Rifiuta l’elemosina: presa a calci e sputi da un bambino mendicante

FALCONARA
- caricamento letture

Parcheggia e viene avvicinata da un baby mendicante. Il ragazzino le chiede l’elemosina, le si scusa gentilmente: «Mi spiace, non ho soldi con me». Il mendicante, un nomade di circa 13 anni, a quel punto inizia a strattonarla. Interviene il marito della donna, che per difenderla riceve insulti, sputi, perfino calci dal baby-mendicante. E’ successo a Falconara, alle prese con il dilagare della violenza. Episodi di tutti i tipi, dalle aggressioni ai regolarmenti di conti tra pregiudicati.

A raccontare l’aggressione per l’elemosina negata è un residente, che fornisce nome e cognome. A confermare l’escalation del degrado Ivano Pasquini, promotore dell’assemblea per la sicurezza urbana già riunitasi alla fine dello scorso anno. «Nonostante le buone intenzioni – dice – da allora non è stato fatto nulla di concreto. Mi è stata proposta un’altra raccolta di firme, ma è tempo sprecato se poi le istituzioni locali non prendono delle decisioni»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X