Urbanistica sotto sequestro
Si cercano le cause del rogo

MACERATA - Proseguono le indagini della Polizia per fare chiarezza sull'accaduto. Vigili del fuoco al lavoro dodici ore per spegnere l'incendio in Comune. Il sindaco Carancini: "Grazie a tutti quelli che si sono adoperati e hanno fatto in modo che i danni non fossero ancora più gravi"
- caricamento letture
INCENDIO_URBANISTICA_COMUNE_MACERATA-4

I Vigili del Fuoco hanno rimosso le pratiche bruciate dalle fiamme

incenedio-distretto-21

L’archivio dell’Urbanistica è al secondo piano del palazzo dell’ex Distretto

di Alessandra Pierini

Sono tutte da capire le cause che hanno provocato l’incendio che ieri pomeriggio ha distrutto un terzo delle pratiche dell’archivio dell’ufficio Urbanistica al secondo piano della sede comunale di viale Trieste nel palazzo dell’ex Distretto militare a Macerata (leggi l’articolo). Proseguono a ritmo serrato le indagini della Polizia di Macerata che sta cercando di ricostruire con la massima precisione l’accaduto  e ha disposto il sequestro della struttura interessata dall’incendio. I vigili del fuoco hanno lavorato costantemente per più di 12 ore e solamente questa notte dopo le 4 hanno terminato le operazioni necessarie per rimuovere tutte le cartelle scampate alle fiamme e depositare il materiale bruciato in un cassone della Smea. Il loro tempestivo intervento ha infatti evitato la perdita dell’intero archivio e la propagazione delle fiamme ad altre aree del palazzo.
Terminata la fase di emergenza e di primo intervento, si inizia la conta dei danni ed è il sindaco  Romano  Carancini il primo a chiedere che si faccia la massima chiarezza sulle cause del rogo: «Al momento non siamo in grado di stabilire con certezza che cosa è accaduto e non ci sentiamo di escludere nessuna eventualità. Il danno per il Comune di Macerata è sicuramente gravissimo e nei prossimi giorni lavoreremo per quantificare la grave perdita subita».

Il primo cittadino ringrazia intanto quanti si sono prodigati per limitare al massimo le conseguenze dell’incendio: «In primo luogo voglio ringraziare i dipendenti che dalle 16 e fino a questa notte hanno lavorato, cercando di recuperare il possibile, i vigili del fuoco che hanno dimostrato non solo un forte senso del dovere ma anche grande sensibilità verso la nostra istituzione e non si sono limitati a spegnere il fuoco e le forze di Polizia che hanno lavorato in maniera encomiabile».

L’incendio si è sviluppato all’interno degli uffici comunali intorno alle 15 ed è stato un passante che ha notato del fumo uscire da una delle finestre della facciata del palazzo a dare l’allarme ai vigili del fuoco,che  intervenuti tempestivamente, hanno spento le fiamme per poi iniziare le operazioni di sgombero dell’archivio che conteneva migliaia di cartelle.  In un primo momento, la causa dell’episodio sembrava essere un corto circuito al meccanismo elettrico che regola l’apertura e lo scorrimento dell’archivio. All’interno degli uffici, chiusi nelle ore pomeridiane del sabato, non avrebbe dovuto esserci nessuno  ma saranno le  forze dell’ordine ad andare a fondo e a stabilire se la distruzione delle pratiche sia stata una casualità o un preciso disegno.

GUARDA IL VIDEO

monteverde_monachesi-2

L’assessore Stefania Monteverde, il responsabile dell’ufficio Urbanistica Maurizio Bonotti e Stefano Monachesi della Smea durante le operazioni di spegnimento

incenedio-distretto-19

INCENDIO_URBANISTICA_COMUNE_MACERATA-1

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =