Tutti i numeri della Sarnano-Sassotetto

AUTOMOBILISMO - La cronoscalata maceratese ha registrato il record di partenti. Soddisfatto il presidente dell'AC Macerata Enrico Ruffini: "Abbiamo superato ogni più rosea aspettativa"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

chianucci

Si è chiusa con un bilancio largamente positivo la 22^ edizione della Sarnano-Sassotetto/Trofeo Lodovico Scarfiotti. La cronoscalata maceratese ha registrato il record di partenti in questa fase di ripresa dal 2008, ed ha vissuto un fine settimana importante dal punto di vista agonistico. La presenza di piloti provenienti da tutta Italia, isole comprese, ha innalzato il confronto tra tanti specialisti della montagna e molte vetture di prestigio. Grande lo spiegamento di prototipi e formule, notevole l’adesione delle auto storiche e importante la presenza degli osservatori Csai per le auto moderne e le auto storiche, che hanno potuto valutare la crescita della macchina organizzativa, oltre al percorso ed alla qualità del parco partenti. La città di Sarnano, già protagonista con numerosi appassionati e volontari attivi, ha visto crescere un nutrito gruppo piloti che ha fatto lievitare l’entusiasmo locale. La presenza in città del paddock ha permesso di vivere pienamente un coinvolgente weekend sportivo, completato dalle riuscite premiazioni in Piazza della Libertà.

scolaJr

Presente e positivo il messaggio della sicurezza stradale, iniziato alla vigilia grazie all’AC Macerata, all’Associazione Salute & Guida e Mikea Comunicazione, che lo hanno portato tra i giovani delle scuole maceratesi e ripetuto nella sede della gara. La Csai ha poi felicemente debuttato con una vettura promozionale che ha fatto conoscere le peculiarità della categoria Racing Start, economica e propedeutica per l’attività agonistica dei giovani, grazie all’intervento di Francesco Loiacono, vicepresidente della Sottocommissione Ricerca & Sviluppo. L’incontro culturale con Fabrizio Taiana, sul tema “La prima auto in Italia”, la storia della Peugeot Tipo 3 immatricolata nel gennaio 1893 in Veneto, ha arricchito lo spessore dell’evento. Questo il commento del sindaco di Sarnano Franco Ceregioli: “Il prestigio della gara aumenta anno dopo anno. Anche quest’edizione è stata un gran successo, per numero e qualità dei piloti e per il pubblico intervenuto. Il grande sforzo organizzativo è stato quindi ripagato e mi sento in dovere di ringraziare personalmente Enrico Ruffini pesidente dell’AC Macerata, a cui va riconosciuta la grande capacità di aver trasmesso a tutto lo staff organizzativo la propria passione e l’attaccamento al Trofeo Scarfiotti. Ed ora tutti al lavoro per il 2013!”.

taiana

Ecco il saluto finale del presidente dell’AC Macerata, Enrico Ruffini: “Il Trofeo Scarfiotti 2012 si è felicemente concluso. Nei risultati si sono superate le previsioni, piloti e pubblico hanno risposto alla grande. Ma i tre giorni dell’evento sono la conclusione di un grande lavoro sinergico tra più soggetti ed istituzioni, come gli interventi necessari sul percorso dopo le nevicate invernali. La città di Sarnano ha collaborato alla grande per una festa che ha coinvolto tutti anche grazie al paddock in città. Sono doverosi i ringraziamenti alle autorità locali, alle forze dell’ordine, agli sponsor ed a tutti coloro che hanno contribuito allo sforzo organizzativo. Apprezzatissima la presenza del Prefetto S.E. Pietro Giardina, che sì è anche intrattenuto con i piloti, e delle autorità della Csai presenti. L’AC di Macerata e l’Associazione Sportiva ringraziano tutti i collaboratori per questo progetto sperando che l’entusiasmo si moltiplichi negli anni a venire per una crescita sempre migliore. Un pensiero va al mio predecessore Giovanni Battistelli, che sarebbe stato felice di vedere che il suo sogno di riportare la gara ai livelli degli anni settanta si è finalmente realizzato”.

premiazioni   schieram2-200x300



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X