“In marcia da Macerata a Loreto
nella solidità della fede”

MACERATA - I pellegrini hanno pregato per i terremotati dell'Emilia e per i due marò italiani trattenuti in India. Ha celebrato la messa nello stadio Helvia Recina il cardinale Piacenza: "Non aspettatevi un miracolo ma semplicemente un cammino verso Gesù"
- caricamento letture
macerata_loreto_00
macerata_loreto_2012-13-300x200

Lo stadio Helvia Recina durante la celebrazione della messa

di Alessandra Pierini

(Fotoservizio di Guido Picchio e Lucrezia Benfatto)

I muri sono stati abbattuti, i mattoni si sono frantumati, le chiese sono state distrutte  ma non c’è terremoto capace di intaccare lo spirito e l’animo e il proprio credo non ha bisogno di una sede stabile ma si può esprimere anche in uno stadio, nella periferia d’Italia, nella piccola Macerata e lungo le strade, tra i colli.  «Il nostro pensiero – ha esordito il vescovo Claudio Giuliodori –  va a coloro che sono senza lavoro e ai fratelli colpiti dal terremoto che sono vicini e li porteremo con noi nella Casa Santa solida e sicura nella fede in cui ci attende l’abbraccio della Santa Famiglia». Così, col pensiero rivolto ai terremotati dell’Emilia Romagna, si è aperta la 34ma edizione del pellegrinaggio Macerata – Loreto a piedi, nella quale i soliti gesti acquistano un significato ancora più profondo e sono segnati dalle difficoltà che il Paese e il mondo stanno affrontando.

macerata_loreto_2012-12-200x300

Il momento dell'accensione della fiaccola

«La mia casa è stata lesionata – ha scritto Alberto di San Felice sul Panaro in un messaggio letto da Ermanno Calzolaio, presidente dell’associazione “Amici del Pellegrinaggio” – e così anche il cuore della mia azienda. Dopo la scossa delle 4,05 siamo usciti fuori impauriti e con la consapevolezza che sarebbe cambiato tutto. Sarà un cammino, un lungo cammino e non una serie di preghiere pronunciate con la pretesa di essere esaudito. Perchè il Signore ha fatto crollare queste chiese? La risposta è solo in lui». Dall’Italia, poi le preghiere si sono trasferite ad un’altra parte del mondo dove si sta, per due italiani, con il fiato sorpreso.
Anche i due marò italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati dell’omicidio di due pescatori indiani, hanno infatti chiesto ai pellegrini di pregare per loro. Durante i primi due mesi di detenzione dei due militari, il Ministero della Difesa inviò infatti in india don Peppino Faraci, cappellano di Loreto, il quale portò ai due militari un invito al pellegrinaggio, inviato da don Giancarlo Vecerrica. Per ovvi motivi i marò non hanno potuto essere presenti ma hanno comunque chiesto la vicinanza dei pellegrini.
Ha dato il benvenuto ai pellegrini, provenienti anche da Croazia, Spagna, Svizzera e Francia, il sindaco Romano Carancini: «Le mie braccia sono quelle della città di Macerata che si stringono attorno a voi per manifestare tutto il nostro affetto».
Dopo l’arrivo della fiaccola, portata da Roma, mentre lentamente la notte ha iniziato a manifestare la sua presenza, la celebrazione della messa ha preso il via nello stadio gremito di oltre 90.000 pellegrini (secondo i dati diffusi dall’organizzazione) con gli inconfondibili cappellini, quest’anno di colore verde e alla presenza di autorità civili e religiose.

macerata_loreto_2012-26-300x200

Il cardinale Mauro Piacenza ha celebrato la messa per i pellegrini

Il cardinale Mauro Piacenza, dopo aver richiamato richiamato i pellegrini all’obbedienza della fede, ha spiegato: «Ha senso mettersi in cammino solo se si ha una meta da raggiungere e la fatica è meno grave se si cammina con i fratelli. Il pellegrinaggio è una metafora della vita. Noi sappiamo che esiste una metà unica e meravigliosa che chiamiamo vita. Camminando vogliamo testimoniare che la vita ha una meta e che non camminiamo da soli ma con Gesù. Non aspettatevi il miracolo ma aspettatevi il cammino». E il cammino verso Loreto ha preso il via.


pellegrinaggio_2012-2-300x198

 

macerata_loreto_2012-18-300x200

Lorenzo Minotti, ex nazionale azzurro di calcio

macerata_loreto_2012-27-300x254

Maria Francesca Tardella, Marco Guzzini e Andrea Angeli

macerata_loreto_2012-16-300x185

Il Cardinale Piacenza durante la celebrazione

macerata_loreto_2012-2-300x200

Da sinistra Deborah Pantana, Romano Mari, Francesco Massi, Angelo Sciapichetti e Luca Marconi

macerata_loreto_2012-1-300x219

Andrea Angeli e Romano Carancini

macerata_loreto_2012-3-300x215

il comico di Zelig Paolo Cevoli

macerata_loreto_2012-8-300x200

Claudio Bottini, bancario di Milano che ha portato la sua testimonianza


   
   macerata_loreto_2012-23-300x200   macerata_loreto_2012-22-300x200   macerata_loreto_2012-21-300x200   macerata_loreto_2012-20-300x200   macerata_loreto_2012-19-300x200     macerata_loreto_2012-17-300x200     macerata_loreto_2012-15-206x300   macerata_loreto_2012-14-300x200   macerata_loreto_2012-13-300x200macerata_loreto_2012-28-300x195   macerata_loreto_2012-11-300x200   macerata_loreto_2012-10-300x225   macerata_loreto_2012-9-300x200     macerata_loreto_2012-7-269x300   macerata_loreto_2012-6-300x200   macerata_loreto_2012-5-300x216    

 

pellegrinaggio_2012-3-300x200

La partenza con la croce

pellegrinaggio_2012-1-300x203  



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X