I carabinieri mettono fine alle razzie
dei Bonnie & Clyde di casa nostra

Da mesi la coppia di Camporotondo metteva a segno scippi e furti, soprattutto a danno di donne sole tra Tolentino, Caldarola, Casette Verdini e Sforzacosta
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

arrestatiDopo numerosi furti, compresi scippi e persino una tentata rapina impropria, messi a segno tra Tolentino, Caldarola, Casette Verdini e Sforzacosta nei mesi di novembre e dicembre, soprattutto ai danni di donne, i carabinieri di Tolentino hanno arrestato una coppia di Camporotondo di Fiastrone. Si tratta di F. F., 31 anni, e R. D., 30 anni, entrambi disoccupati. I due, secondo gli inquirenti, hanno vissuto per un periodo con i proventi dei furti e, non si esclude, anche dello spaccio di droga, visto che il 3 dicembre scorso gli stessi militari li avevano sorpresi con circa 11 grammi di eroina. Da quanto emerso dalle indagini, i due hanno iniziato la loro attività il 23 novembre scorso nel parcheggio del supermercato Iper Simply di Tolentino, dove hanno rubato la borsa che una donna aveva lasciato sul sedile della propria auto mentre riponeva nella stessa la spesa appena fatta. Sostanzialmente, la coppia sostava nei parcheggi dei supermercati e dopo aver individuato una donna che da sola era impegnata a caricare i sacchetti della spesa sull’auto, R. D. repentinamente si impossessava della borsetta che era stata lasciata per qualche attimo a terra o sul sedile del mezzo. La donna arrestata, quindi, afferrata la borsetta, saliva sull’utilitaria guidata da F. F. e insieme si davano alla fuga. Oltre che del denaro, i due naturalmente si impossessavano anche delle tessere bancomat o carte di credito trovate nelle borse e con le quali effettuavano subito prelievi e acquisti prima che i documenti venissero bloccati dai legittimi proprietari. La coppia, inoltre, non disdegnava neanche di scippare anziane signore come successo a Caldarola lo scorso primo dicembre. In quella circostanza, sempre la R.D. strappava di mano la borsa ad un’anziana che era appena uscita dall’ufficio postale, facendola anche cadere; incurante, quindi, risaliva sull’auto guidata dal compagno fuggendo. Infine, l’8 dicembre, all’interno di un negozio di Tolentino, F.F. tentava di rubare da dietro il bancone la borsa della commessa. La ragazza, però, si è accorta e ha reagito riuscendo ad evitare il furto, ma venendo aggredita  per consentire a sè e al compagno di fuggire. I Bonnie e Clyde di casa nostra ormai si sentivano al sicuro, certi di averla fatta franca. Infatti, nessuna delle vittime era mai riuscita a vedere la targa del mezzo con cui fuggivano. Ma i carabinieri, tassello dopo tassello, hanno ricostruito tutti gli episodi richiedendo alla Procura della Repubblica di Macerata la misura cautelare. Questa mattina i militari l’hanno eseguita sottoponendo la coppia agli arresti domiciliari, come disposto dal GIP.

Gran parte della merce acquistata (computer portatili, telefonini, capi di abbigliamento, ecc.) con le carte di credito è stata recuperata.

I reati di cui devono rispondere vanno dalla detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, al furto aggravato, scippo e tentata rapina impropria.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X