Civitanova: verso accordo di programma
Comune-Provincia sull’ex Liceo

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Civitanova

L’immobile dell’ex liceo scientifico di Civitanova Marche e l’area di 14 mila metri quadrati su cui esso è situato a lato della strada statale 16 in località Fontespina, dovranno essere oggetto di un Accordo di programma tra la Provincia di Macerata, attuale proprietaria, e il Comune di Civitanova Marche a cui spetta le scelte di programmazione urbanistica del proprio territorio. Tale Accordo dovrà essere “finalizzato alla pianificazione congiunta di linee di intervento urbanistico per il conseguimento di vicendevoli vantaggi ed interessi pubblici” sul complesso edilizio dell’ex liceo. E’questo il frutto di un’intesa raggiunta oggi nella sede della Provincia, a Macerata, al termine di un incontro tra il Commissario prefettizio, Sandro Calvosam ed il sindaco di Civitanova, Massimo Mobili.

Va ricordato che a seguito dell’avvenuta costruzione ed entrata in funzione nel 2005 dei nuovi licei in zona Micheletti, l’edificio dell’ex liceo di Fontespina è entrato a far parte del patrimonio disponibile della Provincia, figurando da tempo nel programma delle dismissioni immobiliari e da ultimo è stato inserito nel piano 2011 allegato al bilancio di previsione. Prima di procedere all’emanazione del bando d’asta per la vendita, il Commissario Calvosa ha voluto informare per lettera il Sindaco di Civitanova, chiedendo anche di far conoscere l’eventuale interesse del Comune ad acquistare l’immobile.

Il sindaco Mobili ha risposto chiedendo un incontro – che si è svolto oggi – nel corso del quale ha manifestato l’esigenza che la Provincia non proceda alla vendita, stante l’attuale destinazione urbanistica, in quanto, ove l’immobile venisse acquistato da un privato, ne potrebbe derivare, per il Comune, una serie di danni irreparabili per il contesto urbanistico. Ciò in quanto “la situazione attuale non consente di prevedere a priori l’utilizzo dell’area e, quindi, gli effetti indotti sul territorio”.

L’area dell’ex liceo si trova in posizione strategica rispetto al retrostante quartiere residenziale in fase di completamento e ciò “impone – ha spiegato Mobili al Commissari Calvosa – una ripianificazione della stessa attraverso la previsione di un intervento urbanistico preventivo di iniziativa pubblica e di attuazione privata preliminarmente concordata tra la  Provincia e il Comune”. La finalità di ridefinire la previsione urbanistica è quella di contemperare, sia l’esigenza di reperire idonei spazi pubblici a servizio dell’area e del contesto in cui la stessa è inserita, sia l’obiettivo di individuare una previsione più puntuale circa l’utilizzo funzionale della zona.

 

Il Commissario Calvosa ha fatto presente che l’interesse della Provincia non vuole contrastare le istanze e le rivendicazioni provenienti dai Comuni e nel caso specifico ha ritenuto fondate le richieste del sindaco Mobili. Se l’ex liceo fosse messo all’asta e poi acquistato da un privato con le attuali previsioni del piano regolatore, verosimilmente per il Comune di Civitanova si verificherebbero situazioni di congestione urbanistica di non facile soluzione. Da tale convergenza di giudizi è scaturita la proposta, poi verbalizzata e sottoscritta tra il Commissario Calvosa e il sindaco Mobili e cioè: subordinare la vendita del plesso immobiliare ex liceo alla conclusione di un preventivo Accordo di Programma  tra Comune e Provincia nel quale definire i caratteri della pianificazione urbanistica dell’area.

Sarà  l’Amministrazione provinciale che si insedierà dopo le lezioni di maggio a valutare se proseguire su questa linea d’indirizzo oppure a procedere immediatamente alla alienazione dell’immobile.

All’incontro, che si è protratto per oltre tre ore, erano presenti anche il vice sindaco Claudio Morresi, il segretario generale del Comune, Sergio Morosi, il dirigente del settore urbanistica del Comune, Maurizio Scarpecci. Per la Provincia, oltre al Commissario Calvosa, erano presenti Carla Scipioni e Stefania Tibaldi, rispettivamente dirigenti dell’amministrazione del patrimonio e dell’edilizia scolastica, nonché i funzionari tecnici Serenella Sciarra (urbanistica), Paolo Virgili (patrimonio) e Monica Conti del servizio amministrazione patrimoniale dell’ente.

Nella foto, il Commissario Calvosa con il sindaco Mobili ed il vice Morresi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X