Sel: “I giochi del Pd
non ci interessano”

Sinistra Ecologia e Libertà e Federazione della Sinistra confermano di correre da soli. L'Idv presenta i candidati. Ancora nel mirino dei vandali i manifesti di Pettinari
- caricamento letture
acquaroli

Francesco Acquaroli ed Esildo Candria

di Alessandra Pierini

A nulla sono serviti gli appelli fatti in questi giorni dai rappresentanti della coalizione di centro sinistra e dal candidato presidente Antonio Pettinari. Sinistra Ecologia e Libertà e Federazione della Sinistra confermano l’intenzione di correre a parte e di avere un proprio candidato, Francesco Acquaroli.
Lo ha ribadito questo pomeriggio il coordinatore provinciale Sel  Esildo Candria, nel corso di una conferenza stampa nella sede elettorale del partito: «Si è concluso un percorso iniziato a dicembre che ci ha visti impegnati nel cercare un confronto col centro sinistra. Abbiamo posto questioni programmatiche ma abbiamo ottenuto solo discussioni sterili finchè ad un certo punto ci è stato detto Pettinari è il nostro candidato. Se lo accettate potete aderire alla coalizione». Candria sottolinea anche la non contrarietà alla scelta di Pettinari se fosse scaturita dalle primarie e punta il dito sulla mancanza di confronto: «Non è mai stato convocato un tavolo della sinistra oltre a quello promosso da noi e non ci siamo potuti confrontare con Pettinari sul programma. A 5 giorni dalla presentazione delle liste continuano a chiedere alleanze . L’invito sembra mercanteggiare posti di potere, a noi questo tipo di politica non interessa. Noi vogliamo un centro sinistra unito com’è a San Benedetto e a Fermo».

francesco_acquaroli

Francesco Acquaroli

Sarà quindi Francesco Acquaroli a rappresentare Sel, Federazione della Sinistra e una lista civica in via di formazione: «Faccio il Sindaco da 10 anni – ha spiegato il candidato – e so che ai cittadini interessa come saranno i risolti i loro problemi perciò fondamentale è il programma. Se è vero che il programma di Pettinari è ancora aperto, vorrei sapere su cosa hanno basato la loro alleanza. Vorrei anche chiedere al candidato dell’Udc qual è la sua posizione sulla discarica di Cingoli, sul nucleare e su tante altre questioni. Mi hanno proposto la vice presidenza  per entrare a far parte della coalizione di centro sinistra ma ho rifiutato perché l’accordo Pd-Udc è calato dall’alto e la candidatura è disancorata alle reali esigenze della gente».

***

idv-mc1-300x225

I veretici dell'Idv presentano i candidati

Intanto l’Idv ha annunciato la chiusura della lista, presentando i candidati nei collegi di Macerata. Due di essi rappresentano il nucleo storico Idv (Alberto Porfiri e Guido Garufi) e due invece sono nuovi ingressi nel partito (Adele Maria Pia Pirro e Luigino Craia). Oltre ai candidati di Macerata, sono state annunciate altre candidature: quella del più anziano Giuseppe Craia per il collegio III di Civitanova Marche; quella del più giovane Simone Francia per il collegio di San Ginesio e quella di Giovanni Faggiolini al collegio XX di San Severino Marche.  Già consigliere provinciale, lascia il PDL per “insanabili contrasti con la deriva destrosiana assunta dal partito e per una personale incompatibilità con la linea politico-programmatica di Capponi. “Fagiolini – precisa Favia – si riconosce nelle idee, nei valori e nei programmi dell’IDV e porta così a maturazione un lungo disagio vissuto all’interno del PDL.” L’Idv e Fagiolini, quindi, sposano appieno la ricandidatura a sindaco di San Severino di Cesare Martini e quella a presidente della provincia di Antonio Pettinari.

***

poster-irr

Il manifesto di Pettinari all'uscita della Superstrada a Civitanova preso di mira dai vandali (foto Vives)

 

Nel frattempo sono tornati ad essere presi di mira dai vandali i manifesti elettorali del candidato presidente del centro sinistra, Antonio Pettinari. Identico il modus operandi con scritte in rosso che trasformano la parola “razionale” in “irrazionale”. Pettinari ha già sportto denuncia in Questura.

 

Anche Umberto Marcucci, candidato del Pdl a Civitanova, porta all’attenzione i danneggiamenti ai suoi manifesti:

“Senza voler drammatizzare ma nello stesso tempo evitando di sottovalutare la cosa e  soprattutto sperando che ciò non si ripeta anche nel corso della campagna elettorale, ho notato che i miei manifesti, appenna affissi, già sono stati danneggiati. Evito  di fare denuncia contro ignoti, oggi, sperando che tale gesto sia solo una semplice bravata di qualche ragazzo e auspicando che non si tratti di un’azione finalizzata a snaturare quella che deve essere solo una sana competizione politica.

037-235x300

In un momento di crisi della politica con la P maiuscola, proprio dalle realtà locali come la nostra provincia, deve partire un esempio ed un messaggio di recupero del valore dell’impegno civile coerente e rispettoso delle istituzioni e dell’avversario”.

 

 

 

 

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =