Carancini apre ai Comunisti
Si profila il nono assessorato

CONSIGLIO COMUNALE - Voto rimandato a martedì
- caricamento letture

consiglio_comunale_12-300x200

di Alessandra Pierini

Rimandata ancora una volta la votazione relativa alle giunta e linee programmatiche presentate dal sindaco e rimandata ancora l’ufficiale partenza della Giunta Carancini nel mettersi in moto per “cominciare la nuova storia”. Nel corso delle due sedute comunali è intervenuta la maggioranza dei consiglieri, vecchi e nuovi, che hanno voluto dare il loro apporto, di apprezzamento, critico o un po’ e un po’, alle proposte del sindaco. Ancora una volta si è deciso di mettere a folle e di attendere fino a martedì per giungere ad una conclusione.

Al termine della seduta  Alessandro Savi (Pdci) ha chiesto di sospendere e di rimandare a martedì, tanti esponenti del Pd e di altri partiti si sono alzati per chiedere di continuare, poi Carbonari (Pdl) ha difeso Savi dicendo che era una richiesta sensata. Il clima non è certo dei migliori tra il Pd e il Pdci anche se c’è stata un’evidente apertura da parte sel sindaco Carancini.

Ma andiamo con ordine. Come detto, gli interventi dei consiglieri sono stati molti e ricchi di spunti. Se lunedì scorso l’opposizione aveva accusato Carancini di aver fatto un copia e incolla del suo programma elettorale, oggi ne ha preso le difese Andrea Netti (Pd) sostenendo  “questa delibera che guarda alle piccole cose, in cui il Sindaco è in controtendenza e che è un’occasione per tutti.”

consiglio_comunale_05-300x207

Ha chiesto  un osservatorio per le tossicodipendenze in aumento Fabio Massimo Conti (Pdl), mentre PierfrancescoCastiglioni, dopo aver ricordato la stima per Mari Presidente del Consiglio, ha criticato “la vaghezza delle linee di mandato e l’escamotage di non indicare i tempi di realizzazione.”
E’ stato Stefano Blanchi (Pdci) a ricordare i problemi politici che il suo partito ha con il Sindaco ma che non li allontanerà dalla maggioranza e a chiedere attenzione all’importante anniversario dei 150 anni dalla fondazione della Repubblica.
Al termine Carancini, in un lungo intervento, ha chiarito molti dei punti affrontati dai componenti il consiglio comunale e, come un bravo allenatore, ha incoraggiato opposizione e maggioranza: “Dateci sotto con le idee, abbiamo bisogno di capacità. La sfida è per l’intero consiglio, dobbiamo far crescere Macerata.” Ha fatto poi presenti le difficoltà nel reperire risorse, difficoltà che interessa i comuni di tutto il Paese, e le rigidità del bilancio per poi passare a motivare la vicinanza delle linee di mandato al programma elettorale: “Il fatto di presentare al consiglio ciò che ho presentato nel mio programma elettorale mi sembra possa essere un vanto, proporre qualcosa di diverso non sarebbe stato serio nei confronti degli elettori.”

consiglio_comunale_04-300x200

Il Sindaco non ha trascurato la “patata bollente” del Pdci che non si sente rappresentato dall’Assessore Luciano Pantanetti e non ha perso occasione di rivendicare, in nome del risultato ottenuto alle votazioni, una maggiore visibilità. “Mi impegnerò a prendere in considerazione la questione sollevata dal Partito dei Comunisti Italiani  – ha esordito Carancini – e mi impegnerò a tentare ogni strada. Non condivido però l’intervento di Michele Lattanzi laddove mette in discussione il significato delle primarie perchè credo che questo voglia dire confutare le motivazioni per cui siamo stati eletti e la nostra vicinanza alla gente. Non mi sento un uomo solo al comando ma voglio la mia autonomia – ha poi ribadito.”
Michele Lattanzi   (Pdci) al termine dell’incontro si è detto  soddisfatto di questa apertura del Sindaco: “Aspettiamo ora di vedere cosa significa nel concreto. ” Luciano Borgiani (Pdci) sottolinea: “Abbiamo chiesto di poter governare a tutti i livelli e a questo punto l’ipotesi potrebbe essere quella di allargare la Giunta e consentirci di avere un esponente.”
Questa sembra l’ipotesi più probabile anche dalle voci di corridoio e gli assessori passerebbero da sette a nove con gli ingressi di Idv (la rosa dei sei nomi è stata presentata lunedì) e deiComunisti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X