Maceratese, contro l’Urbino
centrocampo in mano a Trillini

All'Helvia Recina va in scena il recupero. Assenti Grcic e Figueroa, in dubbio Stefani
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Trillini

di Andrea Busiello

Match importante quello dell’Helvia Recina in programma domani (mercoledì)  alle ore 15. Sfida di cartello in chiave salvezza che vede la Maceratese fronteggiare il pericolante Urbino con le assenze di Grcic e Figueroa ed il dubbio circa le condizioni di Stefani: ci dovrebbe essere l’esordio dei due nuovi acquisti Chiavarini e Ierna. La gara, come noto, era stata rinviata nella mattinata di sabato per la copiosa nevicata che aveva colpito il nostro capoluogo, anche se tale rinvio è stato un pò bizzarro, dato che il campo era in perfette condizioni già nel pomeriggio di sabato; ma tant’è alle porte c’è questo delicato confronto e noi abbiamo analizzato la situazione che attanaglia i biancorossi con il centrocampista Massimiliano Trillini (nella foto).

Trillini, partiamo dalla situazione di classifica della Maceratese. Ci sarà da soffrire fino alle fine..

“Si, prurtroppo si. Eravamo partiti bene e non nego che l’obiettivo era quello di fare i play off ma poi la situazione è andata in peggioramento ed ora la classifica è quella che è. Noi faremo di tutto per ottenere la salvezza che a questo punto diventa l’obiettivo stagionale”.

Questo rinvio ha giovato o sfavorito la Maceratese a suo avviso?

“Io credo che ci abbia favorito perchè eravamo reduci dalla sfida di Castelferretti dove abbiamo speso tante energie ed in questo modo abbiamo potuto recuperare meglio il tutto. Credo che le tossine spese contro la Castelfrettese sono state recuperate e dunque giudico positivamente questo rinvio”.

Concentriamoci sulla partita di domani: Urbino squadra ostica…

“Si, anche all’andata mi destò una buona impressione. Vincemmo grazie ad un rigore nel finale ma fu una partita difficile. Ricordo una squadra molto compatta e particolarmente unita che faceva del gruppo la sua arma migliore, sappiamo che sarà dura ma noi dobbiamo vincere”.

Un giudizio sui nuovi arrivati Ierna e Chiavarini?

“Sono due ottimi giocatori, d’altronde il loro curriculum parla da se. Sono due atleti che hanno fatto categorie superiori e credo che ci possano dare una mano importante in questo finale di stagione, affinchè riusciamo a raggiungere l’obiettivo della salvezza”.

Infine, quanti punti servono per ottenere la salvezza in queste undici partite che ci separano al termine della stagione?

“Non lo so, non facciamo calcoli ma pensiamo a gara dopo gara. Sappiamo che dobbiamo lasciarci alle spalle sei squadre per ottenere la permanenza in Eccellenza e faremo di tutto, domenica dopo domenica, per far si che ciò accada”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X