Lube, capitan Corsano
pensa già al futuro

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

mirko-corsano

di Andrea Busiello

Mentre il mercato non decolla in casa Lube, da altre parti diverse società stanno mettendo a punto il primo tassello: alias coach. A Modena è approdato Prandi (con Miljkovic opposto?), a Cuneo è stato ufficializzato il settempedano Alberto Giuliani e Treviso sembra aver messo a sedere sulla sua panchina quel Flavio Gulinelli che in questa stagione ha fatto faville con i greci dell’Iraklis. Infine, anche Verona ha deciso chi sarà il suo allenatore: Bruno Bagnoli. Insomma dopo il tassello coach comincerà il vero e proprio valzer dei giocatori ed allora noi siamo andati ad ascoltare uno degli idoli della tifoseria biancorossa, che risponde al nome di Mirko Corsano (nella foto festante dopo un successo), per fare un bilancio della stagione che è appena andata in archivio ed ovviamente per proiettarci sulla prossima.

Salve Corsano, la stagione è finita da poco ma è giusto fare dei bilanci. Secondo lei il bicchiere della Lube è mezzo pieno o mezzo vuoto?

“Di sicuro potevamo fare meglio ma purtroppo con i se e con i ma non si va da nessuna parte dunque è inutile stare ora qui a recriminare di quello che non si è riusciti a fare. Di certo negli ultimi mesi non siamo riusciti a mettere in campo quello che avevamo dimostrato nella prima parte di stagione. Peccato”.

Il rammarico è grande per aver gettato al vento delle occasioni rare, come la semifinale con Piacenza dove avete avuto troppi alti e bassi di rendimento…

“Si, c’è grande rammarico perchè se avessimo giocato meglio alcune sfide con Piacenza forse ora ci saremmo noi in finale ma purtroppo ormai è finita e dunque è inutile tornare indietro. Comunque le occasioni sciupate in gara 2, gara 3 e aver giocato in malo modo i primi due set di gara 5 ci hanno condannato”.

Ora come ora si pensa già alla prossima stagione. Che capitan Corsano troveremo ai nastri di partenza?

“Mi auguro di poter dare alla Lube tutto quello che ho dato fino ad oggi cercando di migliorare sempre di più. Ogni allenamento lo interpreterò come una finale ed è questo lo spirito con il quale il sottoscritto si prepara a ricaricare le pile quest’estate per poi ritornare in carreggiata sin dalla preparazione”.

Da grande interprete nel ruolo di libero secondo lei Giovi ha le carte in regola per diventare il vice Corsano in prospettiva futura?

“Andrea è un ottimo giocatore che ha tanta voglia di imparare e crescere. A mio avviso è difficile poter dire ora una cosa del genere per un motivo piuttosto banale. Un giocatore, per capire se può fare il salto di qualità deve giocare con continuità. Però una cosa è certa, lui ha grandi doti e quando è stato chiamato in causa in stagione lo ha sempre dimostrato”.

Ultima domanda, più inerente alla vita privata. Come passerà l’estate?

“In relax, dedicandomi alle cose che ho un pò trascurato durante l’anno: ovvero la famiglia. Andrò anche in Puglia dai miei parenti e mi godrò qualche periodo di vacanza al mare prima di poter ritornare a giocare, con grandi stimoli, la nuova stagione agonistica a Macerata”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X