La Fortezza, capitan Caldarelli:
“Artefici di un miracolo”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

calda_micro

Entusiasmo alle stelle dopo la vittoria nel derby contro Ancona. La Fortezza Recanati vive un sogno. Seconda in classifica insieme a Verona alle spalle di Padova, quattro punti di vantaggio sulle inseguitrici (Ancona e Ravenna, il prossimo avversario), leadership regionale sempre più evidente con quattro successi in altrettanti derby (doppietta con i dorici, vittorie contro Civitanova e Senigallia).  “E’ un anno straordinario, irripetibile – afferma il capitano Marco Caldarelli (nella foto), play esperto (37 anni), guida sicura de La Fortezza. Stiamo vivendo una stagione fantastica, raccogliamo i frutti di un grande lavoro, che parte da lontano, dal gruppo storico che si è formato in serie C, il nostro è un progetto costruito con pazienza, con tante delusioni, con l’obiettivo sfuggito sul più bello, quando sembrava che l’avessimo in pugno. Per questo ci siamo goduti l’impresa di Castelguelfo per la storica promozione in serie B e viviamo intensamente questo campionato, siamo consapevoli che il nostro è un piccolo miracolo sportivo”. Caldarelli elogia la Stamura Ancona. “Bravissimi, meritano i complimenti, sono stati un avversario fiero, attento, che ha studiato alla perfezione la partita ed ha provato in ogni modo a fermarci. Ci hanno pressato sugli esterni, ci impedivano di giocare togliendo i rifornimenti ai lunghi. Abbiamo avuto pazienza, poi siamo riusciti a fare passare sotto la palla come volevamo, ci siamo sbloccati, abbiamo avuto dalla nostra il cuore, la voglia di vincere ancora ma anche la lucidità nel gestire i momenti decisivi. Nel finale La Fortezza ha compiuto le scelte giuste, abbiamo gestito i tre attacchi conclusivi alla perfezione, Marsigliani ha chiamato la strategia di gioco e noi l’abbiamo eseguita così bene che gli ultimi secondi sono stati ininfluenti. Quando sono andato in lunetta per i liberi mi sono detto che non potevo sbagliare, avevamo già commesso troppi errori nei tiri liberi, ecco, in questo fondamentale dobbiamo migliorare. Una grande vittoria, Ancona è quarta, è una squadra giovane, emergente, potevano raggiungerci e sono venuti a Recanati con motivazioni fortissime”. A suggello della grande serata de La Fortezza Recanati, la soddisfazione per Akrivos che oltre ad aver sbloccato la partita nel finale con il suo “score” personale di 21 punti sfondando il muro dei 300 (per l’esattezza 303 punti complessivi) si è collocato in 2^ posizione nella classifica marcatori alle spalle di Marini (307) dell’Albignasego Padova scavalcando O. Gueye della Tezenis Verona (302), e per il team di Marsigliani, che ha il 5° attacco del girone, ma soprattutto la 3^ difesa dopo Albignasego e Ravenna. Per la trasferta di domenica in Emilia Romagna il Gruppo Avanguardia organizza un pullman. Info e prenotazioni al numero 3334645916. Arbitrano Meroni e Sestini di Roma coadiuvati al tavolo dai giudici Zanella (segnapunti), Cevolani (cronometrista) e Bonsi (24 sec.) di Ferrara.

Fonte: ilcittadinodirecanati.it



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X