Dardust dà il bentornato al “Rossini”,
live fra classica ed elettronica:
Saturnino lo special guest

CIVITANOVA - Mercoledì dalle 21,15 prendono il via gli eventi organizzati per festeggiare la riapertura del teatro dopo i lavori

- caricamento letture
Dario-Faini-Ph_Alessio-Panichi-1-325x217

Dardust

Sta per prendere il via il trittico di spettacoli che inaugura ufficialmente la riapertura del teatro Rossini di Civitanova dopo i lavori di rimozione dell’amianto dal tetto e di efficientamento energetico. Uno spazio speciale che l’azienda dei Teatri ha voluto inserire nel ricco cartellone di eventi che fino ad aprile 2024 offrirà al pubblico spettacoli per tutte le platee.  La partenza è mercoledì dalle 21,15 con la data zero del tour di Dardust, Duality + guests: un imperdibile appuntamento in cui il pianista, compositore e produttore marchigiano, a poco più di un anno di distanza dalla pubblicazione del doppio album Duality, continua il suo viaggio tra emozione e ragione, portando la sua dualità sui palchi dei principali teatri italiani insieme ad amici e ospiti eccezionali

A Civitanova sarà la volta di Saturnino. «Duality + guests è un viaggio che non ha una mappa geografica e temporale – racconta Dardust – Uno spettacolo fuori dagli schemi, non un concerto tout court ma uno show che mi piace definire “impressionista” perché rimanda alle influenze e ispirazioni di Debussy e agli spettacoli di arte varia di fine ‘800, dove oltre alla musica, il tempo e lo spazio, i costumi, le scenografie, le luci e i visual sono fondamentali. Gli ospiti interagiscono con me durante il primo atto al pianoforte, più intimo, dove il fulcro è la musica classica contemporanea mentre nel secondo atto l’elettronica diventa preponderante, c’è energia, puro divertissement e l’atmosfera è quella da club. Si tratta di un live a cui assistere senza pregiudizi, è l’estrema sintesi dei miei ultimi dieci anni di lavoro, prima ci si emoziona e poi si balla». Duality infatti è il concept album con cui Dardust ha squarciato il velo che separava la musica classica contemporanea dall’elettronica e ha definito i suoi due emisferi sonori che rivela durante gli show: uno più riflessivo, meditativo, vicino alla musica strumentale da camera, l’altro incentrato sui beat e sull’elettronica da club.

La triade di spettacoli per la riapertura del Rossini proseguirà poi mercoledì 6 e giovedì 7 dicembre con il ritorno in città dei Momix, con “Back to Momix” in esclusiva regionale. Sabato 9 dicembre la conclusione del format con il Gran Galà di riapertura con l’ospite d’eccezione Giancarlo Giannini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X