Due panchine rosse a Castelraimondo:
«Non sono solo un simbolo
ma servono per sensibilizzare»

NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE - Sono state inaugurate oggi dal Comune con la presenza di tanti studenti. L’assessore ai Servizi sociali Ilenia Cittadini: «Un tema che riguarda tutti, i bambini, gli adulti, le associazioni, la scuola e l’ente locale»
- caricamento letture
pachine-rosse-castelraimondo-1-650x488

Una delle panchine rosse di Castelraimondo

Inaugurazione di due panchine rosse a Castelraimondo ai giardini pubblici e lungo corso Italia. In tanti hanno partecipato a questo doppio evento che si è tenuto questa mattina per sensibilizzare sul tema della violenza contro le donne. Due panchine in cui sono apposti anche i numeri telefonici a cui le vittime possono rivolgersi. Sono così nati due punti in cui non si vuole solo esprimere il proprio dissenso alla violenza, ma anche fornire informazioni utili. Durante la mattinata sono intervenuti gli studenti della scuola media accompagnati da una docente, che ha spiegato l’importanza di parlare di questi temi già in età adolescenziale.

pachine-rosse-castelraimondo-8-650x488Presente anche Lucia Budassi, psicologa del centro antiviolenza di Macerata e della Casa del Rifugio, che ha fornito dei dati a testimonianza della diffusione di questo fenomeno anche nelle zone dell’entroterra.

«Da gennaio 2022 a ottobre 2022 allo sportello maceratese in totale sono stati fatti 220 accessi, con 180 prese in carico – ha spiegato Budassi -. Rilevante il dato per cui le donne che hanno fatto un maggiore accesso sono di origine italiana e la metà di loro hanno tra i 40 e i 49 anni». Presente anche la coordinatrice Beatrice Pini e l’assistente sociale Giulia Sbarbati della cooperativa Il Faro, che hanno spiegato l’importanza della prevenzione fin dalle scuole e nei centri di aggregazione giovanile.

pachine-rosse-castelraimondo-5-e1669475201422Durante la cerimonia proprio i bambini del centro di aggregazione Primavera, grazie al lavoro svolto dall’educatrice Isabella Cucculelli e accompagnati dalla volontaria Giulia Francucci, hanno letto dei loro testi incentrati sul tema. Ha voluto essere presente anche il sindaco di Castelraimondo Patrizio Leonelli, insieme all’assessore ai Servizi Sociali Ilenia Cittadini.

«Ci troviamo qui per dire no alla violenza di genere – ha affermato Cittadini – due panchine che non sono solo un simbolo, ma un’azione di sensibilizzazione e informazione, in quanto sono presenti dei contatti diretti a cui rivolgersi per le persone vittime di violenza. Un tema che riguarda tutti, i bambini, gli adulti, le associazioni, la scuola e l’ente locale.

pachine-rosse-castelraimondo-2-650x486Per dire no a tutte le forme di violenza sulle donne, quella fisica, quella verbale e per combattere una cultura degli stereotipi che rischia di legittimare sfottò a sfondo sessuale o battute denigratorie. Dobbiamo tutti insieme potenziare attività di prevenzione che favoriscono le pari opportunità. Uscire dalla violenza si può, chiedere aiuto è un primo passo per farlo».

I numeri utili che sono stati inseriti sulle panchine: sono quelli dell’associazione Scarpetta Rossa (02 84577484), del Centro antiviolenza Macerata (0733 256487), dell’ufficio Servizi sociali del Comune presieduto dall’Anna Benigni (0737 641724 interno 2) e il numero nazionale di supporto psicologico (1522). Ieri sera il comune di Castelraimondo ha voluto rimarcare il suo no alla violenza di genere illuminando di rosso la facciata del Lanciano Forum.

 

pachine-rosse-castelraimondo-4-e1669475261158

pachine-rosse-castelraimondo-3-650x488

pachine-rosse-castelraimondo-7-650x488

pachine-rosse-castelraimondo-6-650x488

«Ecco chi è Artemisia Gentileschi: violentata, processata e rinata grazie all’arte» (Video)

Violenza sulle donne, 72 i casi denunciati ai carabinieri nel 2022 Maggi: «Consigli? La verità scelta migliore»

«Picchiata diverse volte dal mio ex, lui è stato anche arrestato ma fuggiva dai domiciliari per tormentarmi»

Una piaggia di scarpette rosse (Foto)

Una nuova panchina rossa contro la violenza sulle donne

Firmato il protocollo Zeus: «Un percorso di riabilitazione per gli uomini violenti»

Violenza di genere e linguaggio, la prorettrice Mattucci: «Siamo fatti di parole, ci autodeterminano» (Video)

 

Lotta alla violenza sulle donne, Patrizia Peroni poliziotta in prima linea: «Un lavoro di coscienza da fare tutti insieme»

Uniti intorno alla panchina rossa contro la violenza sulle donne: «Iniziamo a sensibilizzare dalle scuole»

Lotta alla violenza sulle donne, scarpette rosse di ceramica ad Appignano

Un momento di riflessione con dipendenti, collaboratrici e professioniste del Comune

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X