La luce de le cannele

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario_monachesi-e1615374212346-325x263

Mario Monachesi

 

di Mario Monachesi

“Fino a quanno non adè ‘rriata la luce ‘lettrica dentro le case, anni ’40 – ’50 (nel dopoguerra), spèce in campagna la sera se java avanti co’ la luce de le cannele. Li contadì’ cercava de fa cena che ancora ce se vidia, cioè co’ la luce de fori, po’ dittu moccó de rosariu, java quasci subbeto a lettu portennose ‘na cannela ‘ppiccia, fissata co’ la colatura de ‘n po’ de cera, dentro un vecchjé’ (bicchiere). ‘Na orda misti a lettu, la smorciava co’ ‘na cioffiata (soffiata).

“Pioe, pioe / lu gattu non se smoe / se ppicia la cannela / se dice vonasera”.
*
“Chj se lo putia permette, ci-avia pe’ la cucina, l’acitilena (piccola bomboletta ad acetilene, un gas incolore, infiammabile, di combustione) che facia ‘na luce vianghissima e puzzava d’aju (aglio), o pure ‘na lampada a ojo, a petrolio o a carburo.
Anticamente de cannele se ne ttroava de più tipi, quelle de sego, fatte co’ lo grasso de li porchi macellati, ma anche co’ quello de le vacche e de le pecore, costava poco ma facia tanto fumo e puzzava, quelle fatte co’ la cera d’api, ma costava de più. Po’ ce statia quelle fatte co’ la cera pijata da dentro lu craniu de li capodoji (specie di grosse balene), facia tanta luce ma adèra senza meno le più costose. Li puritti usava quelle fatte co’ li giunchi rcordi su li prati, tajati a strisce e rcoperti de grasso sempre de l’animali.
A ‘lli tempi remoti, parlimo de che seculu fa, co’ ‘ste fiamme ce se duvia sta tanto ‘ttenti (attenti) perché ce statia lu rischju de l’incendii e de che mortu bbrusciatu.
Le cannele co’ lo sego, gghjà le facia li Romani tunno lu ‘500 a.C.
Quelle che invece ce recordimo noantri adè quelle co’ lu stuppì'”.
*
“A la luce de la cannela, lu stracciu pare tela”.
*
“‘N’antru proverbiu invece cunzijava: “Né donna né tela a lume de cannela” (per non sbagliare bisognava far tutto con la luce del sole).
“Anche le cannele de le chjese ci-avia lu proverbiu sua: “A ‘gni santu la sua cannela”.
Un modu de di’ che ancora resiste sentenzia: “Lu jocu non vale la cannela”.
La Chjesa celevra questa storica fonte di luce, li dui de febbrà’ de ‘gni annu, tramete la festa de la Cannelora. In quistu jornu vène date le cannele venedette, simbulu de Cristu che reschjara le tenevre. ‘Na orda ce se tinia a custudille con cura in ogni casa. La cannela venedetta non duvia èsse ne persa e ne rotta, duvia èsse ppicciata contro li malanni, le sciagure e le disgrazie”.
In provincia di Pesaro Urbino c’è un piccolo paese che ha fatto della candela il suo simbolo, si tratta di Candelara. Tutti gli anni durante il mese di dicembre il paese si illumina in alcune ore solo della luce fioca ma suggestiva delle candele regalando una magia unica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X