San Matteo,
le Fiamme gialle celebrano
la “Giornata della memoria”

MACERATA - Messa a Santa Croce con le autorità civili e militari per il patrono del corpo. Il comandante provinciale Falco ha rivolto un pensiero alle vittime del dovere e ai finanzieri caduti in servizio e ha ricordato come proprio in situazioni difficili come quelle che stiamo vivendo che «vengono fuori il coraggio e la forza del nostro popolo e, in particolare, dei marchigiani»
- caricamento letture
Festa-S.-Matteo-1-325x163

La messa di questa mattina a Santa Croce

 

Questa mattina la Guardia di finanza di Macerata, in occasione di San Matteo patrono del Corpo, ha celebrato la “Giornata della Memoria” in ricordo di tutte le Fiamme gialle vittime del dovere, della criminalità organizzata, del terrorismo e del servizio. La “Giornata” è stata officiata dal vicario generale della Diocesi di Macerata Andrea Leonesi, delegato dal vescovo Nazzareno Marconi, nella chiesa Santa Croce di con una messa per io militari in servizio e in congedo del comando provinciale, dei reparti dipendenti e di un militare in servizio, vittima del dovere. La funzione religiosa, a cui hanno partecipato anche il prefetto Flavio Ferdani e le Autorità civili e militari della provincia, ha rappresentato un importante momento per le Fiamme gialle maceratesi, di meditazione interiore e di riflessione. Il comandante provinciale, il colonnello Ferdinando Falco, ha rivolto un sentito pensiero a tutti i servitori dello Stato, vittime del dovere e in particolare ai finanzieri caduti in servizio. Ha quindi ricordato come lo scorso anno sia stato «particolarmente intenso e difficile, dovendosi ancora pesantemente confrontare con la drammatica pandemia, che tanti problemi, difficoltà e dolori ha cagionato in un territorio già ampiamente martoriato dai tragici eventi sismici. Un anno in cui le fiamme gialle hanno lavorato ancor più intensamente, con umiltà e dedizione, ma soprattutto con una particolare sensibilità, pianificando e calibrando attentamente le attività di servizio affinché non costituissero in alcun modo un ulteriore ostacolo alla ripresa economica e sociale e neanche fossero soltanto minimamente percepite come tali, garantendo però, allo stesso tempo, interventi puntuali e mirati, diretti a prevenire e reprimere ogni forma di illegalità e di concorrenza sleale, a tutela di quanti – nonostante tutto – operavano e continuano a operare correttamente e che sono stati invece gravemente colpiti dalla crisi pandemica».

Festa-S.-Matteo-2-325x156Proseguendo nel suo discorso, il colonnello Falco, dopo aver evidenziato come quest’anno, proprio quando si era cominciato a sperare che si potesse avviare pian piano verso la normalità, la guerra in Ucraina, la conseguente grande crisi energetica e da ultimo, qui nella Marche, la recente devastante alluvione (per la quale anche le fiamme gialle di Macerata sono fortemente impegnate nel prestare aiuto e soccorso alle popolazioni colpite) stanno invece continuando a mettere a dura prova il nostro Paese, ha sottolineato che «è proprio in situazioni della specie – come del resto abbiamo avuto modo di vedere in altri momenti bui della nostra storia – che vengono fuori il coraggio e la forza del nostro popolo e, in particolare, dei marchigiani». Ha infine concluso, dopo aver formulato un particolare ringraziamento a tutti i finanzieri del comando provinciale di Macerata, «per l’impegno e la professionalità che da sempre, quotidianamente, profondono nel loro lavoro al servizio della collettività, sottolineando come, ora più che mai, la Guardia di Finanza debba fare la sua parte, dando prova tangibile che miglio motto – “Nec recisa recedit” – non poteva essere coniato per sintetizzare la grande resilienza del Corpo anche nei momenti più difficili: pure questa volta le Fiamme gialle – ha aggiunto – si rimboccheranno le maniche e con eccezionale impegno, dedizione e spirito di sacrificio daranno il loro importantissimo contributo per aiutare tutti i cittadini onesti, le imprese sane, insomma la “parte buona, operosa e più bisognosa” del nostro Paese a superare brillantemente anche quest’altro drammatico momento».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X