«Fiori, frasi d’amore e pedinamenti»:
da corteggiatore diventa stalker

ACCUSA - Imputato un civitanovese di 61 anni, vittima una commessa che oggi è stata sentita in aula. L'uomo se la sarebbe anche presa con il fidanzato della donna
- caricamento letture

stalking-1

 

Le faceva recapitare regali, fiori e biglietti sul posto di lavoro, le telefonava in modo assillante, andava al supermercato dove lei lavora come commessa, e così da corteggiatore, respinto, si sarebbe trasformano in uno stalker. Questo almeno quanto viene contestato ad un civitanovese di 61 anni, che è imputato al tribunale di Macerata per stalking.

A denunciarlo una donna di 43 anni, che oggi è stata sentita durante il processo che si sta svolgendo davanti al giudice Andrea Belli. La donna nella denuncia dice che dall’ottobre del 2016 61enne avrebbe iniziato a portarle regali al supermercato in cui lavora e dove lui andava come cliente, tra cui rose, biglietti con frasi d’amore e anche olio, vino. Regali che aveva sempre rifiutato. Una situazione che, visto il modo assiduo di corteggiarla dell’uomo, aveva messo in difficoltà la donna, anche perché poi il 61enne avrebbe iniziato a tempestarla di sms contenenti frasi d’amore, e a farle, dice la donna nella denuncia, continue telefonate. Quando lei aveva iniziato una relazione con un’altra persona sarebbe accaduto che, dice l’accusa, in un caso avrebbe spintonato il fidanzato della 43enne e cercato di afferrarlo per la gola. Inoltre, più volte l’uomo avrebbe offeso la 43enne dicendole «zoccola» e dandole della «poco di buono». Avrebbe inoltre, dice l’accusa, pedinato la donna e il fidanzato (pure lui sentito oggi in udienza). Questi fatti sarebbero avvenuti a Civitanova e Potenza Picena, tra l’ottobre del 2016 e l’agosto del 2018. Il pm Raffaela Zuccarini contesta poi altri episodi, che sarebbero avvenuti a Potenza Picena tra aprile e agosto 2019, fino a novembre 2019. In questi l’uomo è accusato di aver pedinato la donna, di essere andato sul luogo dove il compagno lavorava come deejay e anche nei posti che la donna frequentava. L’imputato è difeso dall’avvocato Arabella Verdini. La 43enne è parte civile al processo, assistita dall’avvocato Sante Monti.

(Gian. Gin.)

*Il nome dell’imputato non viene indicato a tutela della vittima



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =