«Otto milioni per lo sport in 18 mesi»
Il bilancio dell’assessore Sacchi

MACERATA - Oltre ai fondi per Città Europea dello Sport, è il bando di Rigenerazione urbana che ha visto arrivare ben 7 milioni di euro a favore delle infrastrutture sportive da sistemare a farla da padrone. Gli interventi più corposi all'Helvia Recina e al campo da rugby. «A giugno gli assoluti di scherma paralimpica ed un evento nazionale di padel»
- caricamento letture
Stadio-Helvia-Recina

Lo stadio Helvia Recina al centro dell’intervento più corposo

di Mauro Giustozzi

Poco meno di 8 milioni di euro per lo sport in diciotto mesi di amministrazione di centrodestra della città. L’assessore allo Sport, Riccardo Sacchi, traccia un primo bilancio dell’attività svolta che ha visto il reperimento di numerosi fondi da mettere a servizio dello sport cittadino attraverso risorse proprie del Comune, finanziamenti per Macerata Città Europea dello Sport ed il bando di Rigenerazione urbana che ha visto arrivare ben 7 milioni di euro a favore delle infrastrutture sportive da sistemare.

Sacchi_Carnevale_FF-3-325x217

L’assessore Riccardo Sacchi

«Nel nostro lavoro c’è un progetto, una visione di città, un ascolto ed una condivisione con le associazioni sportive di quello che andava fatto e di quello che si farà nei prossimi mesi –afferma Riccardo Sacchi-. Quando siamo arrivati al governo della città abbiamo trovato una situazione di manutenzione degli impianti drammatica e siamo partiti subito, con risorse comunali ad effettuare interventi per tamponare l’emergenza. Basti ricordare l’investimento di 100mila euro per sistemare il campo di Collevario e consentire alla Cluentina di potervi giocare il campionato di Promozione, altri 70mila euro sono stati destinati allo stadio Helvia Recina tra nuova illuminazione, panchine squadre, seggiolini in tribuna e altri 30mila euro per impermeabilizzare una porzione della gradinata dalla infiltrazioni di acqua piovana che arrivavano negli spogliatoi con rischi per la sicurezza di chi utilizza questi ambienti. C’è un mutuo di 200mila euro per sistemare i campi da tennis di via dei Velini cui aggiungere i 130mila euro comunali per abbattere le barriere architettoniche. E questo è stato il primo step di lavori che abbiamo affrontato con nostre risorse».

tiro-arco-macerata-parcaroli-2-325x216

Riccardo Sacchi alle prese con l’arco

L’evento Macerata Città Europea dello Sport 2022 ha poi convogliato ulteriori finanziamenti che, tra quelli pubblici assommati a quelli privati, ha toccato i 250mila euro da spendere in larga parte nell’impiantistica ed il resto in eventi e appuntamenti prestigiosi da organizzare durante l’anno. «Voglio sotto questo aspetto ringraziare la Regione Marche che ci ha inviato un contributo di 210mila euro per Città Europea dello Sport –sottolinea sempre l’assessore Sacchi- di cui 150mila in conto capitale e quindi manutenzione impiantistica ed i restanti per spesa corrente per eventi alcuni già organizzati come gli assoluti per pararcieri, l’ospitalità per la nazionale di nuoto sordi, l’evento Heroes sabato a teatro ed avremo a giugno gli assoluti di scherma paralimpica ed un evento nazionale di padel fino agli assoluti di scacchi a settembre assieme ad Unimc. Sette gli interventi sulle strutture sportive cittadine che partiranno a breve per concludersi entro il prossimo settembre. Manutenzione della pista di pattinaggio di Collevario che sarà ammodernata e rigenerata per circa 32mila euro e poi data in gestione per farla vivere continuativamente a servizio del quartiere stesso come luogo di aggregazione sociale e sportiva. Poi cantieri per i diamanti di baseball e softball che saranno rigenerati sia nell’aspetto terreno di gioco che spogliatoi, in particolare per il baseball creando una club house per gli atleti e gli addetti per un investimento di circa 20mila euro. Ci sono 4mila euro per i campi da bocce di Collevario nella sistemazione del fondo e delle sponde laterali mentre un fiore all’occhiello di questi lavori sarà la sistemazione del campo da basket di largo Pascoli che avrà la particolarità di sfoggiare delle decorazioni artistiche particolari e colorate con ulteriori 30 mila euro. Ai giardini Diaz, grazie al sostegno di uno sponsor, il Comune metterà circa 9mila euro per piazzola e pavimentazione, sarà installato un impianto calisthenics di ginnastica e movimenti di riscaldamento eseguiti a corpo libero. Infine acquisteremo per 14mila euro il tappeto per effettuare il salto con l’asta allo stadio Helvia Recina, uno dei presupposti per poter avere poi l’omologazione dell’impianto alla disputa di gare di livello nazionale, cosa che ad oggi non è possibile, eredità lasciataci dalle precedenti amministrazioni. Coi fondi residui interverremo anche sul campo di calcio di Madonna del Monte».

Campo-rugby-villa-potenza

Il campo da rugby di Villa Potenza

Ma il più corposo dei finanziamenti dedicati alle infrastrutture sportive è sicuramente quello legato alla Rigenerazione urbana che porta in dote 7 milioni di euro che riguarderanno l’impiantistica maggiore del capoluogo, nello specifico lo stadio Helvia Recina per 4 milioni, il nuovo campo da rugby a Villa Potenza per 2,5 milioni di euro e circa 400 mila euro per il palas Fontescodella. In questo caso gli uffici sono al lavoro per la progettazione degli interventi che saranno importanti per i due stadi di calcio e rugby, meno impattanti per il palazzetto il cui cantiere sarà probabilmente il primo ad aprirsi. Giugno 2023 la scadenza per l’affidamento dei lavori con conclusione entro il 2026. «Per quanto riguarda l’Helvia Recina l’intervento riguarderà il rifacimento della gradinata e dei sottostanti spogliatoi che saranno adeguati, messi a norma di accessibilità anche per i disabili –spiega l’assessore allo Sport- I 4 milioni disponibili saranno interamente assorbiti da questi lavori, se poi avanzerà qualcosa contiamo di effettuare un intervento sul campo di calcio che ne ha necessità ed eventualmente sulla pista di atletica se ci saranno delle criticità. Ma questi secondi lavori dovranno essere concordati con la stessa maggioranza consiliare in un secondo tempo. Per il campo di rugby siamo in una fase avanzata del progetto che viene concordato con il Macerata Rugby e la federazione stessa: l’obiettivo è di costruire un impianto di eccellenza a livello regionale. Infine il palasport avrà lavori meno impattanti che quindi potranno realizzarsi con una tempistica più ravvicinata: in questo caso, ricordando i lavori già effettuati l’anno scorso per togliere la muffa dalle pareti, si provvederà a sostituire completamente l’impianto di illuminazione che sarà a led per una spesa di oltre 100mila euro ed altri 270mila euro per rinnovare spogliatoi ed impiantistica. Lavori che confidiamo di svolgere nell’estate 2023, mentre per quelli dei campi sportivi l’iter sarà necessariamente più lungo ma dovremo rispettare le scadenze previste sulla fine lavori».

Infine il Comune di Macerata ha partecipato ad una bando del Coni lo scorso aprile per finanziare una nuova struttura, che abbia un costo massimo di 2 milioni di euro, dedicata a scherma ed arti marziali che, in caso di finanziamento, sarà costruita poi nella frazione di Piediripa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =