«Balneari, il Mef venga coinvolto»

L'APPELLO del senatore Giorgio Fede, della deputata Mirella Emiliozzi e della consigliera regionale Marta Ruggeri: «Aprire un tavolo al Ministero del Turismo rischia di non portare ad alcuna concreta soluzione che, invece, sarebbe necessaria dopo oltre 15 anni di incertezza, rinvii e proroghe»
- caricamento letture

 

mirella-emiliozzi-1-325x216

Mirella Emiliozzi

 

«Al tavolo di lavoro devono partecipare tutti i portatori di interesse alla vertenza e deve essere gestito dall’Autorità titolare delle aree del demanio, cioè il Ministero dell’Economia e delle Finanze». Così il senatore Giorgio Fede e l’onorevole Mirella Emiliozzi insieme alla consigliera regionale Marta Ruggeri in una nota relativa alla delicata situazione dei balneari che sta interessando anche il litorale marchigiano. «C’è bisogno di un metodo diverso per risolvere la questione relativa ai balneari. Chi può dare risposte è soltanto il Mef in qualità di responsabile della gestione delle aree demaniali. Aprire un tavolo presso il Ministero del Turismo rischia di non portare ad alcuna concreta soluzione che, invece, sarebbe necessaria dopo oltre 15 anni di incertezza, rinvii e proroghe. Il tema è molto complesso e richiederebbe, tra l’altro, la più vasta partecipazione politica nonché di tutti i soggetti pubblici e privati che possono essere interessati, dagli imprenditori ai consumatori, passando per i lavoratori del settore, i comuni, le regioni e l’autorità di concorrenza. Per questo riteniamo che la metodologia che si sta utilizzando per cercare di trovare una quadra non sia la migliore. Chiediamo che il Ministero del Turismo coinvolga anche il Mef – concludono il senatore Fede, l’onorevole Emiliozzi e la consigliera Ruggeri – e che la discussione sia aperta ad una platea politica più ampia possibile».

Ciarapica a Roma da Gasparri con i concessionari demaniali

Concessioni demaniali, la Regione prepara una mozione

Stabilimenti balneari e problemi legati alla Bolkestein: incontro con gli operatori

Concessioni al 2023, Ciarapica: «situazione preoccupante, presto incontro con l’assessore Aguzzi»

Concessioni, i balneari alzano la voce: «Siamo pronti anche a non riaprire La scadenza al 2023 va bloccata»

«Concessioni balneari, anche nelle Marche a rischio posti di lavoro Ci batteremo per tutelare le famiglie»

Concessioni balneari, aste dal 2024 Operatori sul piede di guerra «Daremo battaglia»

Bolkestein, proroga di 15 anni per le concessioni balneari

Bolkestein e mareggiate Acque agitate per i bagnini



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =