Stabilimenti balneari
e problemi legati alla Bolkestein:
incontro con gli operatori

BALNEARI - La sentenza del Consiglio di Stato stabilisce che le concessioni balneari devono essere riassegnate, tramite gare pubbliche, entro il tempo massimo di due anni
- caricamento letture

 

DSC_0815-VERA

Incontro con i rappresentanti delle associazioni sindacali e di categoria

 

Stabilimenti balneari e problemi legati alla Bolkestein alla luce della recente sentenza emessa dal Consiglio di Stato. Il punto della situazione nel corso di un incontro con i rappresentanti delle associazioni sindacali e di categoria che rappresentano i gestori degli stessi stabilimenti e di alcune specifiche concessioni, a cui hanno partecipato il Presidente del Consiglio regionale, Dino Latini, la Presidente della Commissione sanità, Elena Leonardi, ed il consigliere Pierpaolo Borroni. «Di fatto -è emerso dell’ incontro – la sentenza del Consiglio di Stato stabilisce che le concessioni balneari devono essere riassegnate, tramite gare pubbliche, entro il tempo massimo di due anni. Dal primo gennaio 2024, insomma, molte strutture che operano sulle spiagge marchigiane potrebbero scomparire, dando origine ad un vulnus non indifferente sia sul piano economico, ma anche, aspetto non secondario, su quello di una tradizione ormai consolidata. Altro elemento, evidenziato dagli interventi che hanno animato l’incontro, quello legato all’incertezza del momento attuale che potrebbe spingere a rallentare, se non addirittura cancellare gli investimenti previsti, mentre andrebbe a consolidarsi il danno per chi nel corso del tempo ha attivato mutui da estinguere avanti negli anni». Il Presidente Latini ha ricordato che della questione si è occupata recentemente la Conferenza nazionale delle Assemblee legislative, avvertendo la necessità di avviare un confronto serrato con le organizzazioni di categoria, anche per ipotizzare un intervento di ordine normativo, che vada a risolvere una volta per tutte il problema. In questo senso sia la Leonardi che Borroni hanno evidenziato la necessità di sollecitare una presa di posizione da parte del Governo, cercando soluzioni adeguate proprio facendo tesoro delle indicazioni provenienti dai rappresentanti delle stesse organizzazioni.

Concessioni al 2023, Ciarapica: «situazione preoccupante, presto incontro con l’assessore Aguzzi»

Concessioni, i balneari alzano la voce: «Siamo pronti anche a non riaprire La scadenza al 2023 va bloccata»

«Concessioni balneari, anche nelle Marche a rischio posti di lavoro Ci batteremo per tutelare le famiglie»

Concessioni balneari, aste dal 2024 Operatori sul piede di guerra «Daremo battaglia»

Bolkestein, proroga di 15 anni per le concessioni balneari

Bolkestein e mareggiate Acque agitate per i bagnini



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X