Fratelli d'Italia

Macerata, al via la discussione sul bilancio:
sulla Tari tariffe invariate (per ora)
C’è l’incognita Cosmari

CONSIGLIO COMUNALE - Approvata la delibera presentata dall'assessore Marco Caldarelli. Il ritocco di aliquota dipenderà dai conti del Cosmari che deve presentare il piano economico, forse a giugno. Ricotta (Pd) attacca: «Andiamo a votare senza sapere l’importo reale»
- caricamento letture
ConsiglioComunale_FF-13-650x434

In Consiglio comunale è iniziata oggi la tre giorni di discussione sul bilancio

di Luca Patrassi

Si è aperta nel pomeriggio la seduta prenatalizia di Consiglio comunale messa in calendario da oggi a dopodomani. L’ordine del giorno dei lavori ha preso il via con la discussione delle delibere che riguardano aliquote, tariffe e scadenze tributi e servizi comunali per il 2022, per proseguire – secondo le indicazioni della convocazione – con l’approvazione del Documento Unico di Programmazione 2022 – 2024 e il bilancio di previsione 2022-2024, la revisione ordinaria delle partecipazioni e relazione annuale, l’approvazione definitiva della variante al Prg vigente, riguardante le modifiche, necessaria per porre rimedio a incongruenze ed errori, la cosiddetta Minitematica – e l’esame del parere definitivo di conformità espresso dalla Provincia, la convenzione per la gestione in forma associata dell’ufficio procedimenti disciplinari e infine le modifiche, dovute al recepimento della legge regionale 16 del 2021, del regolamento comunale per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata.

ConsiglioComunale_Caldarelli_FF-32-325x217

L’assessore Marco Caldarelli (Udc)

Sul fronte dei tributi comunali ha preso la parola l’assessore al personale e ai tributi Marco Caldarelli: «La delibera – ha osservato l’amministratore – prevede sostanzialmente una conferma delle aliquote Imu: non ci sono particolari novità, si ricorda che si è in attesa di indicazioni ministeriali sulle eventuali fattispecie oggetto di variazioni e il loro limite. Ricordo che l’aliquota massima per buona parte degli immobili soggetti al Tari è al di sotto del limite massimo consentito: l’aliquota di Macerata è al 10,60%, la differenza vale duecentomila euro di eventuali maggiori entrate. In questa fase difficile abbiamo deciso di non aggravare ulteriormente le tasse dei contribuenti. Per quanto riguarda la Tari le tariffe sono le stesse del 2021, il percorso di approvazione è complesso, il peg del Cosmari non è ancora stato prodotto e non lo sarà entro la fine dell’anno, lo si attende per maggio, sarà poi vidimato dall’Ata e va inviato all’Arera (l’ente nazionale di riferimento) per l’approvazione per poi ripassare in Consiglio verso giugno. Le tariffe saranno molto probabilmente riviste ed intanto posso dire che le rate saranno quelle di, maggio e di novembre. Infine una puntualizzazione: i coefficienti Tari non sono fissati discrezionalmente dal comune ma sono calcoli eseguiti in base a tabelle di legge. Poi si aggiunge il fatto che la legge ha disposto l’abbattimento del canone per le antenne telefoniche, si passa dal canone libero a 800 euro fissi annui, e per il Comune è un bel danno con le antenne che iniziano a proliferare».

NarcisoRicotta_FF-24-325x217

Narciso Ricotta, capogruppo Pd

Sul Cosmari e sulla Tari parte all’attacco il capogruppo dem Narciso Ricotta: «Andiamo a votare senza sapere l’importo reale della Tari, l’assessore è soft, io questa rivoluzione del Cosmari non la vedo, mancano Il Peg, il direttore e la programmazione, non si sono prese decisioni sulla discarica ed è il regalo, caro sindaco, che le ha fatto l’ex presidente della Provincia Antonio Pettinari. Le tariffe aumenteranno, grazie anche ai costi più che triplicati di Cingoli, grazie all’incapacità di gestione del Cosmari. Poi vedo che si lasciano riduzioni del 10% della Tari a supermercati e a farmacie, settori che in questo periodo si stanno arricchendo».

Sono poi intervenuti nel dibattito Carbonari (Lega), Cicarè (Strada Comune) e Castiglioni (Fdi). Caldarelli ha infine replicato brevemente a Ricotta facendo notare che le riduzioni sono per interi settori e non per singole attività, con le farmacie ci sono altre categorie commerciali che sono invece fortemente penalizzate e non si può intervenire se non per aree omogenee. Quanto ai supermercati Caldarelli ha fatto osservare come la Tari venga invece reputata troppo onerosa dai supermercati, al punto che una grande catena commerciale ha comunicato di voler utilizzare un proprio gestore per i rifiuti. Secondo Caldarelli l’unico sistema efficace per evitare le storture delle tariffe per la Tari è quello di arrivare alla tariffazione puntuale per singolo utente con riscossione da affidare al Cosmari. La delibera è stata infine approvata a maggioranza.

Macerata, messi in bilancio ben 59 milioni Ecco le opere pronte a partire «Stop al “fai da te” degli ultimi 30 anni»

Cosmari, concorso per il direttore annullato: «Meglio una brutta figura che un bando così» Discarica a Cingoli fino a settembre 2023

Discarica, indennizzo del 400% a Cingoli Ma per il Cosmari così si risparmia

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni = 1