«Ematologia a Civitanova,
un piccolo centro all’avanguardia»

SANITA' - Il ringraziamento al reparto di una donna di Tolentino che si è sottoposta ad un autotrapianto di cellule staminali: «E' una piccola realtà che va sostenuta in tutti i modi affinché i servizi siano sempre mantenuti ad alto livello e ogni paziente possa sentirsi ben curato»
- caricamento letture

 

ospedale-pronto-soccorso-civitanova-FDM-1-325x244

L’ospedale di Civitanova

 

«Dalla malattia si guarisce grazie a competenza e umanità, ho trascorso quest’anno molti mesi al reparto di ematologia dell’ospedale di Civitanova e ho scoperto un piccolo centro all’avanguardia per patologie ematologiche ed interventi di trapianto autologo». E’ la signora Adele di Tolentino a voler rivolgere il suo ringraziamento al reparto. «Ammalarsi al tempo di Covid non è per niente facile: le misure di contenimento della pandemia pongono l’ammalato in una condizione di isolamento rispetto ai suoi affetti più cari e scoprire di essere affetti da una brutta malattia e da soli accettarla per essere in grado poi di combatterla diventa un’impresa molto difficile anzi impossibile senza la competenza e l’umanità di tutto il personale medico ed infermieristico presente nel reparto di Civitanova – sottolinea-. Professionalità e disponibilità non sono sufficienti se non accompagnati con una spiccata devozione al servizio e all’accoglienza verso il malato». La donna, che ora si trova in convalescenza a casa dopo essersi sottoposta ad un autotrapianto di cellule staminali, non fa che ripetere quanto siano stati bravi tutti, dal primario dottor Francesco Alesiani alle dottoresse Tassetti, Honorati, Gentili, Mirabile e Bocci, senza trascurare le infermiere e le operatrici socio sanitarie. «Nessuno in tanti mesi di ospedalizzazione ha mai dato segni di stanchezza o di nervosismo nonostante le condizioni lavorative siano diventate più difficili a causa della pandemia – ribadisce -. Le malattie ematologiche mettono a dura prova il malato sia sul piano fisico che emotivo. La forza di volontà è l’arma vincente per superare ciò che sembra insuperabile e vivere in un ambiente dove si riceve amore è impagabile. Il reparto di ematologia di Civitanova è una piccola realtà che va sostenuta in tutti i modi affinché i servizi del reparto siano sempre mantenuti ad alto livello e affinché ogni paziente possa sentirsi ben curato. La medicina sta facendo dei grandi passi avanti per combattere le patologie ematologiche ma non dimentichiamoci di mettere al centro il paziente anche per quanto riguarda gli aspetti emotivi. Il sentirsi curato è un aspetto che ha una grande importanza per il buon successo di qualsiasi terapia». Desiderio della signora Adele è che la raccolta fondi per Ail venga ancora di più potenziata soprattutto «perché tutto quello che viene raccolto in zona va devoluto per le strutture ospedaliere del territorio; attraverso un contatto diretto tra sostenitori e fruitori ogni sforzo viene ben impiegato per il raggiungimento degli obiettivi. Ne è la prova la buona organizzazione di tutto il reparto dell’ospedale di Civitanova e il buon grado di soddisfazione dei suoi pazienti».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X