Muccigna e campagne:
quando mare e terra si incontrano
nascono piatti eccezionali

LE ECCELLENZE di Potenza Picena e di Porto Potenza Picena si esaltano in un libro ricco di storie, leggende, racconti e fiabe. E’ soprattutto un ricettario che rende omaggio alla gastronomia del territorio, con tante immagini a colori a tutta pagina, dedicate ai piatti prelibati, al folclore, alla pesca e al lavoro dei campi
- caricamento letture

 

Copertina-del-libro-Bellesi

La copertina del libro

 

di Ugo Bellesi

Una interessante idea promozionale ha consentito al Comune di Potenza Picena di vincere un bando regionale promosso da Flag Marche e coordinato dal Comune di Ancona. Ora questa idea è stata realizzata ed è venuto alla luce un bellissimo libro dal titolo “Muccigna e Campagne” a significare che “quando mare e terra si incontrano nascono piatti eccezionali” (e il riferimento alle seppie con piselli è…puramente casuale). Doveva essere un Ricettario, e così leggiamo in copertina, ma è molto di più perché, mentre le 32 ricette sono assai significative della tradizione gastronomica potentina, grazie all’apporto dell’Associazione ristoratori e albergatori (Ara) di Potenza Picena, la parte letteraria amplifica l’aspetto culturale perché vi si ritrova l’anima della vera gente di mare. Così è piacevole l’intervista fatta da Sonia Pace ad Angelo Gelosi che, imbarcato all’età di 12 anni sull’”Ascaro”, di cui era proprietario Arturo Giampaoli (morto a 104 anni), la mattina doveva essere pronto alle 2,30 per imbarcarsi e raggiungere la foce del Chienti dove si gettavano le reti.

IMG_1895-325x244

La sciabica

La stessa autrice, nel racconto “Il gusto della vita”, descrive la vita del pescatore Antonio Giampaoli, il quale, giunto all’età di 80 anni, ricorda quando da piccolo doveva alzarsi all’alba. Nella sua casa però c’erano i villeggianti per cui egli con la famiglia dormiva nella parte alta dell’abitazione. Quindi, per farsi svegliare senza disturbare gli ospiti, tutte le sere si legava ad una caviglia una lunga corda che scendeva fuori dalla finestra. Così al mattino lo svegliavano tirando la corda e lui si vestiva in fretta per raggiungere la spiaggia insieme agli altri “sciabecotti” che, saliti sulla barca, dovevano raggiungere, a forza di remi, la foce del Chienti distante diversi chilometri. E lì iniziava la pesca con la sciabica che comportava altro lavoro a forza di braccia per tirare le reti a riva.

Pannocchie

Le pannocchie

Una intera pagina del libro è dedicata ai ringraziamenti che Devid Pellini, presidente di Ara, indirizza a quanti hanno collaborato alla realizzazione di questa interessante pubblicazione che ha lo scopo di dare un contributo notevole alla promozione turistica di tutto il territorio, citando in particolare Sonia Pace, Carmen Palmisano, Emanuele Zallocco e Mauro Fini, Angelo Gelosi, Fausto Sampaolo, Giuliano Margaretini, il Fotoclub Potenza Picena, e infine al professor Paolo Onofri. Come è evidente per realizzare questo libro c’è stata una grande collaborazione di personaggi potentini a dimostrazione della perfetta intesa che regna tra Potenza Picena e Porto Potenza Picena quando si tratta di realizzare cose utili. Come appunto questa pubblicazione partita dalla volontà di valorizzare le eccellenze del territorio: quindi non solo il pesce ma anche il vino, il pisello di Montecanepino e l’antico olio Zampello che ha nel territorio di Potenza Picena un microclima molto favorevole. Si tratta di piante secolari dimenticate che erano state messe a dimora dalla famiglia Buonaccorsi ed oggi sono state “riscoperte”. Resistono alla mosca olearia e hanno proprietà organolettiche molto particolari.

Vongole-alla-marinara

Vongole alla marinara

Tutto questo ha fatto sì di avere il supporto anche dell’Azienda Servizi di Potenza Picena e Porto Potenza Picena, presieduta dal  dottor Mario Properzi. Incuriosisce innanzitutto la doppia copertina, il che significa che il libro può essere aperto e quindi letto da entrambe le parti. Nella prima copertina (dal titolo “Muccigna e Campagne”), c’è la foto di un saporitissimo piatto (avendo all’interno le ricette della tradizione), mentre l’altra ha una bellissima immagine dello scorcio di una imbarcazione, su disegno di Roy Art dal titolo “Guarda a prua”. In questa seconda parte del libro ci sono le ricette di otto chef che hanno rielaborato in chiave moderna i loro piatti tradizionali.

Spaghetti-al-sugo-di-scorfano

Spaghetti al sugo di scorfano

Le ricette sono state messe a disposizione dagli chef dell’Associazione Ara che sono Gino Scocco (titolare e chef del ristorante Il Sombrero), Fabio Borroni (titolare e chef della Taverna Tre Corone), Alfonso Rubicondi (titolare e chef del ristorante Il Lido), Gabriel Iosit (chef del ristorante La Terrazza), Marco Casali (chef della Locanda del Tavolo Matto), Carlo Mataloni (chef del ristorante Nettuno), Domenico De Angelis (titolare e chef del ristoranrte Giamirma), e infine il presidente Devid Pellini (titolare e chef del ristorante Il Pontino). Ma in questo libro ci sono anche molte altre cose interessanti. Oltre alla presentazione da parte dell’assessore alla cultura Tommaso Ruffini, tante bellissime foto a tutta pagina a colori, la storia dell’attività peschereccia di Porto Potenza, la descrizione della pesca con la sciabica, la vita di uno sciabecotto, una poesia dedicata a Montesanto (antico nome di Potenza Picena), il capitolo “Gli agricoltori e le campagne” (di Carmen Palmisano), la rievocazione della festa del “Grappolo d’oro” e della “Sagra del pisello”, il racconto “Un uomo venuto dal mare” (del “mitico” Piero Muzzetto), e infine il ricordo della difficile vita dei “Carrettieri” (descritta da Sonia Pace). Conclude il volume una piacevolissima favola che ha come protagonista in furbo pescatore. Il bel libro molto presto sarà messo in vendita nelle edicole e nelle librerie.

Rigatoni-al-sugo-di-pannocchie

Rigatoni al sugo di pannocchie

Seconda-copertina

La seconda copertina



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X