«I disabili non possono aspettare
Mense, state smantellando un’eccellenza»

MACERATA - Duro affondo dell'opposizione in Consiglio comunale sui tagli al sociale: ore d'assistenza e refettorio scolastico al centro del dibattito. L'ex vicesindaca Stefania Monteverde: «Al bisogno non si può rispondere con un taglio». Bocciato l'ordine del giorno sul tema presentato da David Miliozzi. La maggioranza ha rispedito al mittente le accuse, astenuta la consigliera De Padova
- caricamento letture
monteverde

Stefania Monteverde

 

di Federica Nardi

«L’amministrazione ha scelto di tagliare e l’effetto è una riduzione dei servizi. L’abbiamo detto alla votazione del bilancio che mancavano risorse alle politiche sociali. Solo che le ore di scuola si svolgono oggi, non possono aspettare le variazioni di bilancio. Al bisogno non si può rispondere con un taglio». Critica fortemente Stefania Monteverde, consigliera di Macerata bene comune, la linea dell’amministrazione Parcaroli che ha ridotto di una le ore settimanali dell’assistenza a ragazze e ragazzi disabili. L’occasione di confronto è stato il Consiglio comunale di oggi, con l’ordine del giorno sul tema con primo firmatario David Miliozzi (Macerata insieme).

miliozzi

David Miliozzi

Oltre a questo è stato riorganizzato anche il servizio mensa di cinque scuole: la Mameli, Villa Serra, la Frank, la De Amicis e la Natali, con la revisione dei punti cottura e il timore quindi anche per qualche posto di lavoro oltre che per la qualità del cibo. Monteverde, che ha sempre difeso le mense maceratesi e il progetto di Mense verdi bio, sostiene che così «si toccano i posti di lavoro ed è l’inizio dello smantellamento di un’eccellenza di Macerata».

cassetta

Katiuscia Cassetta

Il Comune, avendo avuto avvisaglie della polemica in arrivo per i tagli e per la riorganizzazione, aveva già risposto preventivamente con una nota prima dell’assise. E nei fatti l’assessora Katiuscia Cassetta durante il Consiglio online ha ribadito quanto scritto dal Comune: «Alcune mense più grandi forniranno le più piccole. È un progetto allo studio e con il confronto di tutte le parti interessate. Non chiuderà nessuna mensa. Sarà premura di tutta l’amministrazione tenere sotto controllo la sperimentazione. Si tratta solo di rendere più efficiente il servizio e di potenziare le mense che possano accogliere una strumentazione idonea per garantire maggiore sicurezza alimentare». Anche se Alberto Cicarè (Strada comune-Potere al popolo), obietta che in realtà «le modifiche non sono allo studio, saranno attive già da marzo. E inoltre le parti interessate non sono state coinvolte: i dirigenti non lo sanno, i comitati mensa non lo sanno le famiglie non lo sanno».

castiglioni

Piefrancesco Castiglioni

Ma a far discutere maggiormente è la revisione delle ore per l’assistenza a chi ha una disabilità. Il problema illustrato da Cassetta che è c’è stato un «notevole aumento delle richieste: da 116 a 140, per un impegno orario del 15% in più. Nel corso del 2021 saranno riviste le voci del bilancio approvato. Si tratta di un assestamento già programmato». Per Pierfrancesco Castiglioni (capogruppo di Fratelli d’Italia), ogni polemica sul tema è pretestuosa: «Non si vuole ridurre ma c’è un aumento della domanda. A fronte di questo è impossibile da parte degli uffici sopperire. Quante volte, da preside, ho avuto come risposta: non te ne posso dare di più di ore? Sfido chiunque a dimostrare il contrario».

Alla fine l’ordine del giorno è stato bocciato con 20 contrari, 12 favorevoli e una astenuta in maggioranza (Sabrina De Padova, consigliera e insegnante).

Ma il tema farà discutere. Michele Verolo (che non è in Consiglio ed è un’esponente di Macerata bene comune-Sinistra italiana), commentando oggi l’intervista al sindaco su Cronache maceratesi, chiede a Parcaroli di non «mentire ai cittadini: non ci sono “massicci interventi sul sociale” e si stanno preparando gravi tagli sui servizi pubblici ai cittadini. Il bilancio è pubblico sul sito del Comune di Macerata, chiunque può verificare dove sono i tagli alla spesa per i servizi alle persone». E sui tagli già effettuati, Verolo li elenca: «un taglio di 1 milione e 800mila euro sui servizi sociali di cui meno 286mila sul diritto alla casa, meno 620mila sui soggetti a rischio esclusione, meno 360mila per infanzia e asili nido, meno 500mila sui disabili, meno 14mila per gli anziani, meno 45mila per il sostegno all’occupazione».

renna

Paolo Renna

Tornando al Consiglio, oggi l’interrogazione presentata da Monteverde ha chiesto conto delle azioni messe in campo per il centenario della stagione lirica che ricorre quest’anno. Il sindaco ha risposto che è previsto un incontro con l’assessora regionale Giorgia Latini per parte delle risorse e che il cda dell’associazione Sferisterio sarà nominato entro il mese. Sono stati votati anche il nuovo regolamento dei musei (un atto prettamente tecnico e dovuto) oltre che l’ordine del giorno del Movimento 5 stelle per conferire la cittadinanza onoraria al milite ignoto. Un’iniziativa che parte da Anci e che la maggioranza ha accolto con entusiasmo. Le parole dell’assessore Paolo Renna: «Importante ricordare il sacrificio fatto dai tanti giovani dell’epoca che diedero la propria vita in cambio di una patria unita e forte». Meno convinta l’opposizione date le tragiche circostanze della Prima guerra mondiale, ma la votazione si è conclusa con 25 voti favorevoli, 1 contrario e 7 astenuti.

Tagli sull’assistenza agli studenti disabili «I nostri figli meritano più attenzione»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X