Parcaroli “d’accordo” con Carancini:
confermati gli incarichi a 3 dirigenti

MACERATA - Il sindaco ha deciso di mantenere per i prossimi 5 anni i ruoli già coperti nella passata amministrazione da Michele D’Alfonso, Simone Ciattaglia e Tristano Luchetti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
SandroParcaroli_FF-5-650x434

Sandro Parcaroli

 

di Luca Patrassi

Finisce che aveva ragione Marco Caldarelli. L’ex assessore al Bilancio della giunta Carancini ed ora parte della giunta Parcaroli, nel momento del passaggio elettorale – con tutto l’Udc, il suo partito – aveva detto che la giunta Carancini aveva lavorato molto e bene. In effetti, nel leggere l’atto di pochi giorni fa a firma del sindaco Sandro Parcaroli che attribuisce, confermandoli, per i prossimi cinque anni incarichi dirigenziali a tre funzionari dell’ente locale, sembra di cogliere, seppure indirettamente, un giudizio positivo sull’operato della municipalità maceratese. Nei giorni scorsi il sindaco Sandro Parcaroli ha assegnato per i prossimi cinque anni la posizione dirigenziale dei Servizi al cittadino e all’impresa a Michele D’Alfonso, dei Servizi finanziari e del Personale a Simone Ciattaglia, e dei Servizi tecnici a Tristano Luchetti. Si legge nell’atto: «Visti i curricula dei dirigenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato dai quali risulta: un profilo professionale dal quale emerge una lunga e qualificata esperienza professionale, una grande conoscenza della macchina burocratica comunale e della realtà cittadina, nonché della rete delle pubbliche amministrazioni locali in cui possono far valere le relazioni istituzionali coltivate in questi anni… », « ..atteso che la documentazione in atti conservata, relativa ai risultati conseguiti dai su nominati, è indicativa, altresì della loro capacità manageriale che li qualifica come soggetti idonei ad essere utilmente impiegati per l’assolvimento delle funzioni dirigenziali…», «decreta di stabilire le funzioni dirigenziali per cinque anni dalla data del presente atto». Con buona pace di quelli che, quando erano all’opposizione (Marchiori, Sacchi, Luciani per citarne alcuni), più o meno, dicevano che “è tutto da rifare”. Se i dirigenti vengono (giustamente) confermati per la loro professionalità e – è scritto nel decreto – “per i risultati raggiunti”, è evidente che hanno realizzato gli obiettivi indicati dall’amministrazione. Oppure, per rinnovare l’incarico, è stato fatto un copia-incolla delle motivazioni di rito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X