«Vaso rubato dalla tomba,
sempre più furti al cimitero»

MACERATA - Valentina Nigro ha fatto la scoperta questa mattina e chiede «che si prendano finalmente dei provvedimenti contro questo malcostume irrispettoso»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
cimitero-post-covid-macer

Il cimitero di Macerata

 

«Questa mattina sono andata a salutare il mio papà, deceduto due mesi fa e sepolto nel cimitero di Macerata, e con mio grande stupore mi sono accorta che il vasetto di vetro che c’era, era stato rubato e sostituito con un altro di plastica tutto sporco e maleodorante, e i fiori che avevo messo con cura sono stati tutti rovinati dal tentativo alquanto maldestro di risistemarli». A denunciarlo la una nostra lettrice, Valentina Nigro, che vuole portare alla luce «il fenomeno alquanto squallido dei sempre più frequenti furti al cimitero. Ora, il mio vaso valeva 4,50 euro – spiega Nigro -, non era un vaso di cristallo di inestimabile valore, ma è il gesto, sapere che qualcuno ha frugato sulla tomba di mio padre che mi disturba. Sono subito andata dal custode che mi ha detto che questi episodi sono purtroppo frequenti e non solo rubano fiori e suppellettili, ma anche borse e denaro, mentre magari si sta tentando di sistemare i fiori o si è intenti nel mettere a posto. Che questa cosa accada è già di per sé inaccettabile, men che meno se accade in un luogo sacro come il camposanto, dove si tenta di cercare quel briciolo di consolazione per la perdita dei nostri cari. Già è difficile affrontare il lutto, ancora di più sapere che la tomba è stata in qualche modo profanata da qualcuno che ruba fiori, vasi e altri ricordi. Spesso leggo bigliettini dove si “prega di non rubare fiori” oppure di “non prendere niente”… queste cose, in un cimitero, sono inaccettabili. Chi sa parli e denunci, e che si prendano finalmente dei provvedimenti contro questo malcostume irrispettoso».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X