Morresi verso la conferma,
Ciarapica temporeggia sulla nuova giunta

CIVITANOVA - Il rimpasto tarda ad arrivare, l'impressione è che si aspetti la composizione dell'esecutivo regionale. Il presidente del consiglio comunale mantiene la posizione nella civica per non "pesare" nel conteggio della spartizione posti di Forza Italia e mantenere il suo ruolo
- caricamento letture
consiglio-comunale-maggio19-morresi-civitanova-FDM-325x217

Claudio Morresi, presidente del Consiglio comunale

 

di Laura Boccanera

Ufficialmente tutto tace.  Dopo il clamore dei primi giorni post elezioni in cui le ripercussioni del voto regionale sembravano a cascata ricadere anche sulla tenuta della giunta di Civitanova, il sindaco Fabrizio Ciarapica prende tempo. L’urgenza del rimpasto al momento sembra venire meno e tutto è in stand by rispetto alla scorsa settimana. E se inizialmente sembrava che più della metà degli assessori presenti potessero venire meno, lo scacchiere delle opportunità politiche ad oggi appare più limitato. Tradotto significa che sicuramente andrà rimpiazzato l’assessore Borroni (la favorita anche per il conteggio delle quote rosa rimane la Ruffini, ma a preferenze la stacca Caldaroni, più votato in FdI dietro Borroni alle scorse comunali). Andrà ripristinato anche il ruolo che fu della Gabellieri, magari con una ridistribuzione di deleghe, spacchettando cultura, turismo e sport. E nel frattempo, se il sindaco continua a sperare in una chiamata dall’alto verso Ancona, i consiglieri cercano collocazione all’interno degli schieramenti. “Uno e trino” rimane il presidente del consiglio Claudio Morresi che eletto come civico in Insieme per Civitanova è entrato in Forza Italia, ma di fatto in consiglio rappresenta la lista e ricopre contemporaneamente l’incarico di presidente del consiglio. Un’ubiquità che gli consentirebbe di rimanere al suo posto senza far insorgere gli altri partiti che potrebbero non vedere di buon occhio il diffondersi di Forza Italia nei posti che contano. FI ha infatti un assessorato (Carassai, sebbene quest’ultimo venga indicato come scelta del sindaco), la presidenza del mercato ittico con Manuela Bonifazi, della Civitas con Carusone prossimo però all’uscita assieme ai consiglieri Garbuglia e Mercuri. Insomma un equilibrio di posti e poteri che rischia di essere infranto ad ogni manovra. Anche perché i voti che controllerebbe FI in consiglio si riducono a questo punto al solo Baioni se si considerano Piero Croia e Sergio Marzetti non allineati. Al tempo stesso continua a sembrare fuori dai giochi Fausto Troiani, una scelta che a cascata potrebbe provocare problemi al sindaco dal momento che anche l’assessore Roberta Belletti permane in quota Vince Civitanova e potrebbe decidere di dimettersi qualora Troiani venisse fatto fuori.

 

Rimpasto, Ciarapica studia lo schema: «Aspetto le richieste dei partiti»

 

Ciarapica, più che rimpasto una rivoluzione «Necessario cambiare la giunta, a rischio anche le municipalizzate»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X