Standing ovation del pubblico,
dopo vent’anni sul diamante
Serrani appende il guantone al chiodo

MACERATA - Il capitano della Hotsand, 35 anni, ha vinto la sua ultima di oltre 600 partite e ha chiuso una carriera ricca di soddisfazioni. Ha giocato in Coppa Campioni, tanti i successi con la squadra del capoluogo: «Nel baseball, tra Serie B e Serie A, ho passato la mia vita»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Serrani prima dell’ultima partita

 

di Mauro Giustozzi

Venti anni di carriera che ti passano davanti mentre esci con la standing ovation del pubblico nell’ultima partita vinta su un diamante di baseball. Miglior finale non poteva esserci per Riccardo Serrani, esterno-centro dell’Hotsand Macerata Angels, che l’altra sera sul campo di casa di via Cioci ha disputato la sua ultima partita, vincendola contro il Collecchio.

Serrani nel 2001

Una carriera lunghissima, iniziata da ragazzino su quello stesso diamante sotto lo sguardo vigile e attento di un’icona del baseball maceratese come Giorgio Moretti. Aveva 8 anni quando ha indossato per la prima volta il guantone, oggi che ne ha 35 ha deciso di appenderlo definitivamente al chiodo. Dopo oltre 600 partite disputate. In mezzo tante epoche del batti e corri vissute, per lo più a Macerata, ma con puntate anche extraregionali. Come i tornei disputati con la prestigiosa maglia del San Marino, con numerose gare di A1 e sfide di Coppa dei Campioni giocate all’estero, e gli anni in cui ha vestito le casacche di Fano e Porto Sant’Elpidio. Ma le vittorie più belle sono quelle che ha conquistato con la maglia della società della sua città, dove ha vinto diversi campionati fino all’ultima gara disputata mercoledì.

In azione nell’ultima gara giocata

«Si ho chiuso la carriera con una bella vittoria per 10-4 contro Collecchio –esordisce Riccardo Serrani- un addio che avevo già programmato e che quindi non arriva improvvisamente. Nel baseball, tra serie B e serie A, ho passato gli ultimi 21 anni della mia vita, senza contare poi il periodo trascorso con le giovanili avendo iniziato nel 1991. Ho iniziato ed ho sempre giocato come esterno: per lo più al centro, talvolta anche a destra o sinistra. L’altra sera non lo nascondo sono sceso in campo teso ed emozionato. Ci ho pensato per tutta la giornata prima della gara, perché sapevo che era la mia ultima apparizione sul diamante e volevo che fosse la classica giornata perfetta. Magari in campionato perdi una partita ma sai che hai la possibilità di rifarti nel turno successivo. Per me quella, invece, era una sfida senza ritorno. Invece è andato tutto come meglio non avrei potuto sperare, mi sono tolto una bella soddisfazione assieme alla squadra, vincendo la gara e giocando anche bene. Poi l’allenatore mi ha sostituito ad un out dalla fine proprio per prendermi la passerella e gli applausi di compagni e pubblico ed è stato davvero molto emozionante».

La squadra del Macerata baseball vincitrice della Coppa Marche ’96

La passione per mazza e guantone Riccardo Serrani l’ha coltivata sin da piccolino, quando il padre lo portava sul campo di via Cioci a vedere le partite di Macerata che militava in serie A. «Vedere giocare questa squadra mi ha preso molto -racconta- e mi chiedevo tra me e me chissà, forse un giorno riuscirò ad essere io li in campo a giocare a baseball. Alla fine quello che era un sogno si è concretizzato e sono contento del percorso fatto in questo sport. Ho sempre visto in tv molte partite della Major League americana ma non mi sono mai ispirato in particolare a qualche giocatore famoso. La soddisfazione più grande che ho avuto è quella dello scorso anno quando con Macerata ho vinto la serie A2: eravamo 40 squadre al via e ne veniva promossa una solamente. Tante erano le avversarie attrezzate per raggiungere la serie A1 ma noi siamo stati i migliori battendo proprio quel Collecchio che ho affrontato nell’ultima partita della carriera mercoledì. Però anche vincere il torneo della serie B salendo in A2 nel 2015 è stato un bel momento: forse anche più emozionante perché abbiamo battuto Torino e perché la squadra era composta da moltissimi ragazzi di Macerata cresciuti assieme ed abbiamo superato un avversario che sulla carta ci era superiore».

Serrani tra le fila del Fano vincitore della Coppa Italia di Serie B

Nella carriera di Riccardo Serrani c’è stata anche la Coppa dei Campioni, con la maglia del San Marino e partite disputate in tutta Europa, dall’Olanda alla Spagna. «Nel 2010 e nel 2012 avevo il doppio tesseramento con San Marino –ricorda l’esterno centro dell’Hotsand- ed ho disputato molte gare in campo internazionale con questa società che è una delle più blasonate in questo sport da sempre. Il livello della Coppa dei Campioni era decisamente molto alto ed è stato bello potersi confrontare con avversari molto forti. Due anni li ho trascorsi anche nelle fila del Fano, e nel 2009 ho vinto la Coppa Italia con questa società, poi sono stato pure a Porto Sant’Elpidio, prima di tornare in pianta stabile da un decennio a Macerata. Tra i giocatori più forti con cui ho giocato ci sono sicuramente Javier Lopez e Nathan Batista quest’anno qui con l’Hotsand. Poi c’è un mio compagno di squadra, Lorenzo Morresi, ha 19 anni ed è fortissimo: ha firmato con una squadra di Major League e partirà l’anno prossimo per gli Stati Uniti».

Serrani con la maglia di San Marino in Coppa Campioni a Rotterdam

Macerata ed il baseball è una storia d’amore lunga, iniziata nell’immediato dopoguerra che è arrivata sino ai giorni nostri: una tradizione sportiva radicata nella città. «Qui questo sport ha avuto sempre un grosso seguito sia a livello di praticanti che di pubblico –conclude Serrani-: ricordo che in occasione delle finali si è raggiunta e superata la presenza di 400 spettatori che per il baseball sono moltissimi. Il pubblico a Macerata è stato sempre presente e per questo è anche bello giocare sul diamante di via Cioci. Dispiace chiudere la carriera ma è il momento giusto. Per il futuro, però, penso di non staccarmi del tutto da questo ambiente: potrei andare al diamante per allenare i miei ex compagni durante la settimana, tanto per lanciare un po’ e non perdere il braccio».

 

Riccardo Serrani

Serrani con il Macerata Baseball nel 2006



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X