I Nomadi incantano Bolognola
E viceversa: «Location favolosa»

LA STORICA BAND si è esibita questo pomeriggio sui prati di Pintura: «Un abbraccio forte a questa terra». Gran finale con "Io vagabondo"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

di Monia Orazi

Dal ricordo della bomba di Hiroshima, fatta esplodere il 6 agosto 1945, alle vittime di Beirut, passando per chi ha perso tutto a causa del terremoto: i Nomadi non hanno dimenticato chi soffre nel loro concerto ad alta quota sui prati di Pintura di Bolognola, tappa del loro seguitissimo “Milleanni tour”.

Centinaia di persone hanno raggiunto la località montana per ascoltare dal vivo i loro beniamini, che come sempre non hanno deluso, cantando ventisette canzoni, in oltre due ore di musica tra il sole splendente ed un venticello rinfrescante che non ha fatto sentire l’afa di una domenica di agosto. Ad accoglierli hanno trovato l’impeccabile organizzazione della Pro loco di Bolognola, con il supporto dell’amministrazione comunale. A fare da sfondo al concerto lo scenario mozzafiato dei Sibillini, con sotto le colline che digradano sino a mostrare nelle giornate limpide, sprazzi d’azzurro del mare. Sono state giornate di intenso lavoro per la Pro Loco di Bolognola, la presidente Antonella De Santis e gli altri volontari, hanno predisposto tutto, sedie distanziate e tutto quanto richiesto, per rispettare le norme sul distanziamento sociale di contrasto al Coronavirus.

Dalle 17,30 protagonista è stata solo la musica in un viaggio tra i successi storici, il ricordo di Augusto Daolio e del suo spirito, indimenticabile nella storia della band. «Che strano dire buon pomeriggio, c’è un bel sole ci possiamo abbronzare un po’. Abbiamo ricevuto tantissimi biglietti, una dedica a Simone ed Antonella per avere portato i Nomadi qui a Bolognola. Li ringraziamo per questa location favolosa. Avete la possibilità di ascoltare la storia dei Nomadi di fronte a un panorama così», con queste parole la band ha salutato il pubblico, tra cui gli irriducibili del fans club accorsi da varie parti d’Italia, tra cui Sicilia, Lombardia, Umbria, Abruzzo e Lazio. Beppe Carletti alle tastiere e alla fisarmonica, con la voce potente di Yuri Cilloni hanno fatto risuonare insieme agli altri componenti della band successi storici come “Ma noi no”, “Noi non ci saremo”, “Ti porto a vivere”, “Il pilota di Hiroshima”, “Per fare un uomo”, “Il vecchio e il bambino”, “Io voglio vivere”, “Ho difeso il mio amore”. Non sono mancati accompagnati dalle note delle chitarre di Cico Falzone, della batteria di Daniele Campani, del basso di Massimo Vecchi, dal violino di Sergio Reggioli brani dall’ultimo album come “Milleanni”, anche pezzi storici come “Gli aironi neri”, “Il fiore nero”, “La settima onda”. Immancabili le dediche al pubblico, ai fans chiamati per nome, con i bigliettini passati dalla platea al palco, numerosi brani hanno visto cantare il pubblico insieme alla band come “Un giorno insieme”. Man mano che il sole è iniziato a scivolare basso sull’orizzonte incontro al tramonto, anche il concerto si è avviato alla conclusione, con un crescendo delle canzoni bandiera dei Nomadi, ancora oggi orizzonte sonoro di diverse generazioni: “Canzone per un’amica”, l’intramontabile “Dio è morto”, gran finale con i saluti al pubblico, di cui sono stati letti striscioni pieni di affetto per il gruppo e poi il brano finale, la canzone manifesto per eccellenza “Io vagabondo”, con una foto di Daolio e Dante Pergreffi. «Grazie per la compostezza è un abbraccio forte a questa terra, grazie ai ragazzi che hanno organizzato questo, vi vogliamo bene, sempre Nomadi», le ultime parole di saluto dei Nomadi prima di scendere dal palco.

Un panorama mozzafiato ha fatto da scenario al concerto

Beppe Carletti alla fisarmonica

Sullo sfondo l’immagine di Daolio e Beppe Carletti

La Pro Loco di Bolognola



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X