Acquaroli accoglie l’Udc
e prepara la “civica del presidente”:
si candida l’avvocato Giulianelli

MARCHE 2020 - Il candidato governatore del centrodestra punta sul noto penalista di Macerata per la sua lista. I centristi hanno ufficializzato la loro presenza nella coalizione. In casa Pd scintille in vista dell'assemblea provinciale di lunedì per definire le liste
- caricamento letture
avvocato-giulianelli-1-325x250

L’avvocato Giancarlo Giulianelli

 

di Luca Patrassi

Sembrava potesse essere la persona giusta per far ritrovare una posizione unitaria al centrodestra, ma alla fine la sua candidatura si era arenata sulle secche dei personalismi e dei veti incrociati: così Giancarlo Giulianelli aveva ritirato la propria disponibilità alla candidatura a sindaco partendo da una lista civica. Un ritiro non silenzioso, previo un commento su quello che pensava della situazione del centrodestra maceratese. Sono passati lunghi mesi, non erano ancora nemmeno i tempi del Covid 19, l’avvocato Giancarlo Giulianelli era tornato ai sui affetti e al lavoro di sempre, quello di avvocato. Ultimo cliente di un certo calibro (stante appunto il personaggio in questione) Luca Traini, l’uomo del raid razzista che ha riempito a lungo le pagine dei giornali di mezzo mondo oltre ad aver gettato nel terrore la città intera. Ora Giulianelli difende il senatore della Lega ed ex sindaco di Visso Giuliano Pazzaglini, rinviato giudizio per peculato, truffa e abuso d’ufficio nella vicenda delle donazioni ai terremotati. La politica resta però una passione che si riaffaccia e stavolta Giulianelli sale sul treno in corsa, ammesso che quello delle elezioni sia un treno. Non c’è spazio, ovviamente, nei partiti, e il “civile” Giancarlo Giulianelli è il personaggio maceratese sul quale punta il candidato governatore del centrodestra Francesco Acquaroli per iniziare a costruire la “lista civica del presidente”. Formazione al primo abbozzo, ma il nome di Giulianelli è sicuramente presente. Detto della civica, Acquaroli sta definendo anche la lista maceratese di Fratelli d’Italia in accordo con i coordinatori locali: il partito punta sulla conferma della consigliera uscente Elena Leonardi, il terzetto maschile dovrebbe vedere in campo il civitanovese Pierpaolo Borroni, il tolentinate Francesco Colosi e il maceratese originario di Sant’Angelo in Pontano Simone Livi.

acquaroli-1-325x244

Il deputato Francesco Acquaroli, candidato governatore del centrodestra

Intanto oggi Francesco Acquaroli ha accolto l’Udc che ha ufficializzato l’appoggio al candidato presidente del centrodestra. L’incontro avvenuto all’hotel Seeport di Ancona è stato anche l’occasione per la presentazione dello spot elettorale che vede tra i protagonisti cinque persone comuni delle province marchigiane, rappresentative dei diversi spaccati della società. «La presenza dell’Udc nella nostra coalizione è un valore aggiunto – dice Acquaroli –  Ci ricongiunge a quei valori che sono fondamentali per garantire l’alternativa al governo della Regione. Una forza centrale nel nostro territorio che ha una grande storia e un grande radicamento. Ringrazio il senatore Antonio Saccone, commissario Udc Marche, per l’entusiasmo, la fiducia e la passione dimostrate intorno al nostro progetto per rilanciare la regione. Ci mettiamo in gioco pronti all’ascolto dei territori e all’inclusione di tutte le sensibilità che vorranno contribuire al nostro progetto. Questa opportunità di cambiamento deve avvenire dal confronto con le parti sociali, con le categorie, con le istituzioni territoriali, con le famiglie, con le imprese. Non abbiamo la bacchetta magica, ma siamo certi che insieme potremo trovare la strada migliore per rialzare le sorti delle Marche e tornare a mettere in rete tutte quelle competenze ed energie che fino ad oggi sono state escluse da un sistema ideologico che ha isolato politicamente e economicamente la nostra regione».

Nel centrosinistra il primo a muovere le carte sarà il Pd. Lunedì sera al Cosmopolitan è in programma l’assemblea provinciale che dovrà definire la lista da passare all’esame del regionale. Dem divisi pure sul metodo da seguire: alcuni propongono di votare una lista con sei candidati, altri propongono di indicare la preferenza per cinque candidati e lasciare il sesto alla scelta del Regionale. In sostanza una proposta è quella di dividere la provincia in tre zone – costa, capoluogo e dintorni, area montana – con due indicazioni per ciascuna. In sostanza le coppie sulle quali ci sarebbe accordo sono Alessandro Maccioni e Loredana Riccio per l’entroterra, Francesco Micucci e Roberta Pennacchioni per l’area costiera, Giovanna Salvucci per il comprensorio di Macerata. Quanto al sesto la direzione provinciale si limiterebbe a indicare tre nomi che sono i sindaci di Macerata e di Montecassiano, rispettivamente Romano Carancini e Leonardo Catena, e il segretario del circolo dem di Macerata Stefano Di Pietro. Come dire un tentativo di non rendere incandescente un’assemblea provinciale che si annuncia già accesa, magari in direzione regionale i toni potrebbero essere più soft anche se le ricadute sul territorio saranno pesanti a prescindere. Il sindaco di Montecassiano Leonardo Catena, eletto un anno fa alla guida della municipalità maceratese, ha dalla sua il fatto di essere stato quello più indicato dai circoli (a proposito, Daniele Salvi dice che nel 2015 è stato reinserito dal regionale in lista semplicemente perché il provinciale non aveva considerato il fatto che era risultato il più indicato dai circoli, a prescindere dal peso legato al numero degli iscritti) e di avere l’appoggio della Morani e di Morgoni. Il sindaco di Macerata ha dalla sua l’essere il sindaco uscente del capoluogo di provincia, il sostegno della sindaca di Ancona Mancinelli e quello del candidato sindaco di Macerata Narciso Ricotta che teme contraccolpi. Il segretario del circolo di Macerata Stefano Di Pietro ha dalla sua il fatto che è espressione del circolo di maggior peso della provincia e che si vota per la lista del Pd e non per quella dei sindaci. Una poltrona per tre.

Macerata 2020, stallo nel centrodestra L’avvocato Giulianelli: «Fanno di tutto… per perdere un’altra volta»

Circoli Pd, le indicazioni: Catena il più votato, Maccioni la new entry



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =