Affitti non pagati causa Covid:
la Regione in aiuto alle famiglie

RIPRESA - L'ente ha chiesto al Consiglio delle autonomie locali un parere positivo per poter destinare i fondi. L'assessore Anna Casini: «L'emergenza ha evidenziato nuove povertà»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

anna-casini-e1593423356708-325x279

Anna Casini

 

Aiutare chi non ha potuto pagare l’affitto a causa del Covid. La Regione ha chiesto al Consiglio delle autonomie locali (Cal) un parere per autorizzare la ripartizione di fondi tra i Comuni che includa anche le famiglie in difficoltà a causa del Covid. La Regione sta accelerando in questa direzione nell’ambito delle opportunità offerte dal decreto “Cura Italia”. L’esecutivo ha individuato nuove modalità di riparto del fondo nazionale destinato agli inquilini morosi incolpevoli, prevedendo, tra le motivazioni per accedervi, la perdita di reddito dovuta al coronavirus. Per rimodulare i criteri di assegnazione dei fondi ai Comuni, ha chiesto al Cal parere preventivo. «L’emergenza Covid-19 ha evidenziato nuove povertà e fatto emergere situazioni di difficoltà economiche in strati sociali normalmente non disagiati – ha evidenziato la vicepresidente Anna Casini, assessore all’Edilizia – Diamo una mano a quelle famiglie che, seppure temporaneamente, non hanno sufficiente liquidità per pagare gli affitti, estendo a loro la possibilità di richiedere i fondi alle rispettive amministrazioni comunali». Al Cal è stato chiesto di condividere, per il 2020, la scelta di estendere il fondo a tutti i comuni marchigiani e non solo ai capoluoghi di provincia. Inoltre la possibilità di ampliare la platea dei beneficiari ai richiedenti che, pure in mancanza di un provvedimento esecutivo di sfratto, certifichino una diminuzione del reddito, causa Coronavirus, nel trimestre marzo-maggio 2020. Pertanto quest’anno gli inquilini di abitazioni private e pubbliche (anche di edilizia residenziale pubblica), con reddito Isee tra zero e 26mila euro, avranno la possibilità di accedere al fondo nazionale, in maniera complementare e alternativa all’intervento straordinario regionale già previsto per il sostegno al pagamento dei canoni locativi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X