facebook twitter rss

Tragedia di Servigliano,
la mamma della bimba morta
fermata per incendio doloso

INDAGINE - I carabinieri hanno interrogato la donna per poi disporre la misura. La famiglia si era trasferita a settembre da Passo di Treia nel comune del fermano
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
49 Condivisioni

 

I vigili del fuoco a Servigliano intervenuti per spegnere l’incendio

 

di Giorgio Fedeli

Clamorosa svolta nelle indagini sulla tragedia di Servigliano. Ieri sera i carabinieri del comando provinciale dell’Arma, dopo aver interrogato la mamma della bimba deceduta nel rogo che ha avvolto, nel corso della nottata dell’8 gennaio scorso, la casa dove stava dormendo con la sorellina, hanno sottoposto a fermo la donna. L’accusa sarebbe quella di incendio doloso. Una ricostruzione che lascia ipotizzare scenari inquietanti. Ma per il momento, sul fronte delle indagini, nulla è dato sapere. La salma della bambina non è stata ancora riconsegnata ai familiari, che si erano trasferiti nel comune del Fermano lo scorso settembre da Passo di Treia dove avevano vissuto per circa un anno e mezzo. Con ogni probabilità la svolta nelle indagini è arrivata, come era presumibile, a seguito dell’esito dell’esame autoptico e di quelli tossicologici che avrebbero fornito elementi decisivi, come pure dagli accertamenti dei vigili del fuoco da cui sarebbe emerso il dolo sull’incendio. Comunque sono ancora in corso indagini per delineare con precisione quanto accaduto quella tragica nottata.

Erano circa le 3 di notte dell’8 gennaio quando in una casa all’ingresso di Servigliano è divampato un incendio. All’interno della residenza una mamma, una bulgara di 38 anni, e le due bimbe di 6 e 4 anni. Stando a una prima sommaria ricostruzione dell’accaduto la mamma si è precipitata fuori casa con la figlia più piccola. Sul posto, nel frattempo, erano sopraggiunti i carabinieri del Radiomobile di Montegiorgio che, nel lanciare l’sos ai sanitari del 118 e ai vigili del fuoco, avevano provato ad entrare in casa ma fumo, fuoco e crolli avevano sbarrato l’accesso. Pochi istanti dopo sul posto erano arrivati con tre mezzi i vigili del fuoco di Fermo che si sono fatti strada tra le fiamme e il fumo raggiungendo la bimba in casa per lasciare poi spazio ai sanitari della Croce azzurra di Santa Vittoria in Matenano e della Potes e Misericordia Montegiorgio. Ma per quell’angelo di soli 6 anni non c’era ormai più nulla da fare.

I carabinieri di fronte all’abitazione

La mamma e l’altra bimba più piccola, invece, dopo il soccorso sul posto, erano state trasportate dai sanitari al pronto soccorso. Sull’esatta dinamica di quanto accaduto e sulle cause alla base dell’incendio stanno ancora lavorando i militari dell’Arma, insieme ovviamente ai vigili del fuoco, il tutto coordinato dalla Procura di Fermo. Gli inquirenti, terminate le operazioni di spegnimento dell’incendio, avevano immediatamente sequestrato la casa e avviato le indagini che, ieri, hanno vissuto una svolta clamorosa.

 

Tragico rogo di Servigliano, attivato un conto per le donazioni

Bimba morta nell’incendio della casa: rogo scoppiato per un guasto elettrico, fuori pericolo la mamma e la sorellina

Bimba morta a Servigliano, la famiglia si era trasferita da Treia

Appartamento in fiamme nella notte: muore una bambina, in salvo mamma e sorellina

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X