«Opere terremotate a Firenze,
ufficietto della Soprintendenza nel cratere»
Patassini accusa il Pd

SISMA - Il parlamentare leghista interviene sull'apertura della sede voluta dal ministro Franceschini per Macerata, Fermo e Ascoli: «Marche cornute e razziate»
- caricamento letture

LEGA_InaugurazioneSede_FF_16-325x216

Tullio Patassini

 

«Cornute e razziate. Queste le Marche in cui il Pd gioisce per il contentino di una soprintendenza Mibac avuto dal ministro Franceschini che cede ad altri l’ossigeno per economia ed eccellenze del territorio».Così Tullio Patassini, deputato della Lega commenta l’apertura di una sede della Soprintendenza per Macerata, Ascoli e Fermo.  «Noi della Lega ci siamo battuti fino all’ultimo per scongiurare che le opere d’arte danneggiate dal sisma lascino la regione per essere restaurate dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Per cosa dovremmo ringraziare il senatore Pd Verducci visto che sono state svendute le professionalità e le prospettive delle Accademie di Belle Arti e dei professionisti marchigiani per un ufficietto di periferia in cui siederà qualche burocrate?»

L’onorevole maceratese Tullio Patassini che, per conto del gruppo Lega, ha seguito alla Camera la conversione del nuovo Dl Sisma,  parla di «miopia di dirigenti e parlamentari Pd che si sono lasciati bellamente scippare un volano economico non marginale per un territorio danneggiato e in recessione».

Poi si rivolge direttamente ai parlamentari marchigiani in forza al Pd: «I marchigiani, cari senatore Verducci e vicesegretario del Pd Alessandrini, hanno avuto la conferma che c’è poco da stare allegri con voi. – continua Patassini – Franceschini e il Pd hanno lasciato una pedina sulla scacchiera e conquistato per Firenze la regina delle togliendo la prospettiva di anni di lavoro qualificato non solo ai professionisti marchigiani del restauro, ma anche a tutto il comparto turistico-ricettivo. Quelli (e sono tanti) che avrebbero raggiunto le Marche sia per partecipare ai lavori che per vedere opere e cantieri di restauro ora andranno a Firenze, città che non ha certo bisogno di altra promozione ma di cui era sindaco un certo Matteo Renzi che sta puntellando il traballante governo Conte bis con le sue truppe».

Soprintendenza: arriva la sede di Ascoli, Fermo e Macerata



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X