facebook twitter rss

L’arte del mattoncino in mostra
Viaggio nella storia Lego (FOTO)

TOLENTINO BRICK ART - Città vere e ideali, monumenti, auto, astronavi. C'è di tutto nell'esposizione che la città ospita fino al 6 gennaio
domenica 20 Ottobre 2019 - Ore 19:07 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
153 Condivisioni

 

 

di Francesca Marsili

Se dici mattoncino dici Lego. E se dici Lego risponde Tolentino con una mostra dedicata al mattoncino più iconico, colorato e conosciuto al mondo: “Tolentino Brick art”. Partita ufficialmente il 17 ottobre con un taglio del nastro realizzato rigorosamente con mattoncini tricolore, sarà il punto di riferimento per tanti appassionati fino al 6 gennaio 2020. “Tolentino Brick art” ovvero l’arte nel mattoncino, è molto più di una semplice esposizione, è un viaggio nell’evoluzione Lego: dalla sua creazione sino ai giorni nostri. Una carrellata di decine e decine di playset che riproducono fedelmente: città vere e ideali, monumenti antichi e moderni, auto, astronavi Star Wars, molti dei quali provenienti da collezionisti privati, tutti realizzati esclusivamente con migliaia di mattoncini Lego.

City giapponese

Quartier generale dell’evento è il complesso monumentale della Basilica di San Nicola, nella tensostruttura posizionata nel cortile dell’ex Scuola Bezzi. Lego è un gioco istruttivo e coinvolgente per i più piccoli ma anche un hobby per i più grandi che unisce la passione adulta per il modellismo a quella infantile per il mattoncino. E’ quindi un elemento che diverte, appassiona e avvicina generazioni diverse. Ecco perché “Tolentino Brick art” è pensato per appassionati da 0 a 100 anni. Tanti i laboratori didattici ideati per i più piccoli: in quello musicale i bambini possono imparare a realizzare una partitura attraverso i mattoncini e poi suonarla, in quello di Cake design, creare divertendosi mattoncini di zucchero oltre alla possibilità di festeggiare qui il proprio compleanno. Pezzi storici, rarissimi e ipertecnologici per gli adulti appassionati di questo gioco che sembra non porre limiti ne all’età né alla progettualità. Oltre ovviamente a chili e chili di mattoncini per dare libero sfogo alla fantasia. Insomma, un’occasione da non perdere per tutta la famiglia.

La riproduzione del Monumento ai Caduti

Accanto al famoso mattoncino non poteva mancare l’altro elemento che caratterizza l’universo Lego: la minifigura, il personaggio che “anima“ le costruzioni. Minifigure rarissime dalla loro creazione nel 1974 quando erano un semplice monoblocco giallo e con solo due punti a posto degli occhi, sino a quelle odierne che assumono espressività davvero reali. Le prime due teche sono dedicate proprio al cambiamento del mattoncino dalla sua prima realizzazione nel 1959 quando nel suo interno era vuoto sino a quello oggi in commercio. Rarissima la valigetta del 1958 con cui erano venduti i mattoncini, un packaging esclusivo ad edizione limitata per i più fortunati. Nella mostra espositiva, si viaggia nel tempo, passando da uno dei primi diorami di quello che è sempre stato un filone che ha sempre caratterizzato il mondo Lego ovvero lo spazio- sino alle più complesse realizzazioni del 2019 di tutto l’universo Star Wars, passando per le serie che hanno avuto più successo come la Technic con cui era possibile costruire una macchina telecomandata in ogni minimo dettaglio. Particolari e singolari poi alcuni pezzi ideati da appassionati che, una volta postati sulla pagina Facebook del marchio danese dopo aver ricevuto oltre 10mila like sono stati messi in produzione dal marchio Lego. Insomma in “Tolentino Brick art” c’è tutto il mondo del famoso mattoncino che essendo smontabile e riassemblabile strizza anche l’occhio all’ambiente perché il mattoncino non si butta, si ricicla da padre in figlio. C’è anche un angolo dedicato alla vendita dei prodotti Lego anche quelli tra i più ricercati.

Roberto Brandi con la sua costruzione

Suggestivo l’omaggio che Riccardo Di Nasso organizzatore della mostra itinerante “Lego Brick art” ha voluto rendere alla città di Tolentino purtroppo colpita dal sisma. Un muro incompleto fatto di tante minifigure Lego, a simboleggiare i crolli a seguito del sisma 2016, auspicando per Tolentino una veloce ricostruzione. C’è anche un omaggio al monumento della Vittoria realizzato dal tolentinate Roberto Brandi: «Sono stati quattro mesi di duro lavoro con  più di 4mila pezzi Lego. Io e i miei ragazzi del Brandi Lego Team ci abbiamo messo tanto impegno ma soprattutto tanto cuore. Questa e la nostra passione, questo e il nostro divertimento, costruire e creare. Lo dedichiamo ai caduti della nostra città e ai 100 anni del Tolentino Calcio».

Luna park

Molteplici le iniziative a corredo di “Tolentino Brick art” che coinvolgono tutto il centro storico. Presentando il biglietto d’ingresso nei negozi del centro storico di Tolentino che hanno aderito all’iniziativa, si potranno effettuare acquisti con uno sconto particolare deciso da ogni esercente. «Quasi a conclusione del primo weekend, abbiamo registrato circa 450 ingressi molti anche da zone limitrofe  – afferma con soddisfazione il vicesindaco Silvia Luconi – Mi auguro che i numeri si mantengano su questa linea. Strategico è stato il posizionamento della biglietteria in piazza della Libertà che ha fatto tornare la gente a passeggiare ed animare il centro storico. Questo era il nostro intento». “Tolentino Brick Art” è un’iniziativa promossa dal Comune, dagli assessorati al turismo, istruzione e commercio, in collaborazione con la Pro Loco e l’associazione “Tolentino, Arte e Cultura”.

Minifigure

La mostra rimarrà aperta fino al 6 gennaio dal martedi al venerdi dalle 15 alle 19. Dal 23 dicembre al 6 gennaio, in occasione delle festività natalizie, la mostra resterà aperta tutti i giorni. La biglietteria a Palazzo Sangallo, in piazza della Libertà. Possibilità anche di acquisto online dei biglietti. Per ulteriori informazioni 3703733992 (segreteria e biglietteria Tolentino Brick art) 0733972937 (Pro loco Tolentino) o rivolgersi all’indirizzo email info@tolentinobrickart.it.

Il laboratorio

Tutti pazzi per i mattoncini: ecco la mostra “Brick Art”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X