facebook twitter rss

«Piero, un genio vero»
Il dolore di Recanati e Macerata

I RICORDI di Francesco Fiordomo, Antonio Bravi, Romano Carancini e Massimiliano Bianchini. Il governatore Ceriscioli: «Onoreremo la sua memoria impegnandoci a valorizzare la straordinaria eredità di Musicultura»
sabato 28 Settembre 2019 - Ore 18:23 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
233 Condivisioni

Piero Cesanelli allo Sferisterio con Roberto Vecchioni, uno dei grandi ospiti di Musicultura e membro del comitato artistico di garanzia

 

La sua Recanati, la sua seconda città (Macerata) e tutto il territorio sono rimasti senza parole per la morte di Piero Cesanelli, padre di Musicultura (leggi l’articolo)

Francesco Fiordomo con Piero Cesanelli e Roberto Vecchioni durante un’edizione di Lunaria

Il primo a ricordarlo è Francesco Fiordomo, sindaco di Recanati dal 2009 al 2019 e attuale assessore, che ha condiviso la notizia con un messaggio:  «Ciao Piero. Sei stato un grande. Mi hai accompagnato con la tua saggezza nel percorso da sindaco. Un amico, un padre, un sostenitore attento, affettuoso ed esigente. Recanati, le Marche e l’Italia ti devono rivolgere un grazie immenso. Sicuramente mi avresti rimproverato per questo post, eri sempre umile e composto, ma devo far sapere a tutti quanti ti ho voluto bene e quanto mi sei stato di aiuto. Un abbraccio alla cara Paola».

«Ci ha lasciato oggi una delle menti più aperte e brillanti della nostra città negli ultimi decenni – dice Antonio Bravi, sindaco di Recanati – La felice intuizione che è alla base di Musicultura ha tenuto insieme per molti anni le armonie dei testi con la musica di autore, attraendo e lanciando soprattutto molti giovani a livello nazionale e anche dai nostri territori. A partire dalle prime edizioni, tutte recanatesi, fino ai palcoscenici dello Sferisterio e alla ribalta nazionale con la Rai, ha tenuto una regia sapiente e sempre riservata, con una visione profonda e ironica che ha trasmesso in ogni sui intervento. Restano anche indimenticabili le serate di Lunaria in piazza Leopardi che caratterizzano ormai da molti anni l’estate recanatese.  Tutta l’amministratore comunale, a nome della cittadinanza, esprime la propria vicinanza ai familiari e agli amici».

Piero Cesanelli e Romano Carancini

A Macerata il sindaco Romano Carancini ha appreso la notizia mentre si trova alla Festa dell’Unità, in piazza Battisti: «Difficile esprimere parole in questo momento, l’ho saputo da pochissimi minuti. Piero è stato certamente una delle figure centrali della crescita e del successo di questa città, di un modo di interpretare il simbolo della città, lo Sferisterio. Una figura che ha lavorato con un metodo estremamente aperto, con grande affetto e generosità. Una perdita importante, credo che la città lo ricorderà per sempre, perché il suo è il volto di Musicultura. Il bellissimo volto di una storia musicale capace di affascinare i giovani e tutta la città travolta da questa manifestazione che ogni anno mieteva successo».

Piero Cesanelli e la sua Musicultura approdarono a Macerata nel 2005 (Nella foto con l’allora sindaco Giorgio Meschini e Massimiliano Bianchini)

E’ sconvolto anche Massimiliano Bianchini che nel 2005 da assessore alla cultura del Comune di Macerata portò assieme a Piero Cesanelli Musicultura allo Sferisterio: «Sono profondamente colpito da questa tremenda notizia. Sono smarrito perché perdo un amico vero. Piero era una persona limpida, raffinata, sincera.. Un genio vero. Nella vita ha creato dei nuovi modelli culturali. Abbraccio fortemente Paola e tutti gli amici di Musicultura».

Luca Ceriscioli, governatore delle Marhce, ha inviato una nota: «Con la scomparsa di Piero Cesanelli la cultura delle Marche e dell’Italia intera subiscono una perdita enorme, un vuoto difficilissimo da colmare per tutti noi che abbiamo potuto apprezzarne in questi anni la creatività e le sensibilità umane. Sua l’intuizione, ormai trenta anni fa, del Festival Musicultura, storica vetrina della musica popolare d’autore da lui ideata e diretta, che ha regalato al panorama musicale italiano la scoperta di innumerevoli talenti e, al nostro territorio, una ribalta di assoluta qualità artistica. Nel manifestare la nostra più profonda vicinanza alla famiglia colpita da questo grave lutto, come Regione Marche vogliamo anche ribadire la volontà di onorare la memoria di Piero Cesanelli impegnandoci a valorizzare la straordinaria eredità di Musicultura». 

(redazione CM)

(ultimo aggiornamento alle 19,50)

Piero Cesanelli

E’ morto Piero Cesanelli, il padre di Musicultura

Come disse Vecchioni “Musicultura è meglio di Sanremo”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X