facebook twitter rss

Atac, Brini torna alla carica
«Il cda deve essere sciolto»

CIVITANOVA - L'ex presidente della municipalizzata torna a chiedere, questa volta al sindaco, l'azzeramento dei vertici
giovedì 11 Aprile 2019 - Ore 16:34 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
521 Condivisioni

Ottavio Brini

 

«Da luglio ancora non ho ricevuto risposta dal segretario, ora lo chiedo al sindaco, il cda dell’Atac va sciolto perché convocato in maniera irregolare». Continua a battere sullo stesso dolente punto l’ex vicepresidente dell’Atac Ottavio Brini e torna a chiedere risposte sulla correttezza della procedura che portò, dopo lo scioglimento del primo cda alla convocazione del nuovo assetto che ha lasciato lo stesso Brini escluso dai giochi. La prima richiesta porta la data di luglio quando scoppiò il caso. Brini si dimise da vicepresidente, ma rimase in carica come consigliere. Dopo un paio di settimane si dimise anche il presidente Massimo Belvederesi determinando di fatto la decadenza del cda. Da qui nasce l’inghippo perché, secondo Brini, in quel momento spettava a lui convocare l’assemblea per il rinnovo, ma aveva comunicato l’impossibilità in quei giorni ad essere presente. Pertanto, ravvisando un’omissione, il collegio sindacale riconvocò i soci per la formazione del nuovo cda. Brini chiese formalmente al segretario comunale Morosi se la procedura adottata fosse valida e, nonostante una nuova ulteriore richiesta protocollata a febbraio, nessuna risposta è pervenuta. «Stavolta lo chiedo al sindaco, deve fare chiarezza, la convocazione di quell’assembla non è valida, il cda deve essere sciolto».

 

Nomina Cda, Brini scuote l’Atac: «Profili per invalidare la convocazione»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X