Infermieristica, festa per 42 laureati
Maccioni: «Promuovete la vaccinazione»

MACERATA - Proclamati i nuovi professionisti della sanità di UnivPm con il format "Lauree in piazza". Il 12 dicembre la decisione sulla sede ora ubicata all'Ircr. Il sindaco Romano Carancini: «Il nuovo ospedale dovrebbe contenere anche la scuola dell'Università politecnica». Il direttore dell'Area Vasta Maccioni ha parlato anche del caso dell'ostetrica licenziata
- caricamento letture

 

Lauree_Infermiere_FF-9-650x434

Il rettore Univpm Sauro Longhi, alle sue spalle il sindaco Romano Carancini e il rettore Unimc Francesco Adornato

 

di Gabriele Censi

(foto di Fabio Falcioni)

Sono 42 i neolaureati del corso in Infermieristica dell’università Politecnica delle Marche proclamati oggi a Macerata con il format “Lauree in piazza”.

Lauree_Infermiere_FF-8-325x217

Il direttore dell’Area vasta Alessandro Maccioni con il sindaco Romano Carancini

Una festa che ha riempito anche oltre le possibilità l’auditorium ex Banca Marche messo a disposizione da Unimc. Il rettore Sauro Longhi ai ragazzi ha ricordato: «Siete i protagonisti del domani, coloro che costruiranno benessere, pace, accoglienza per il futuro di tutti. Noi vi abbiamo insegnato come volare, vi abbiamo trasmesso conoscenza e cultura e ci avete promesso che volerete alti. Quindi buon volo a tutti».  Longhi ha rivendicato il successo di questo corso con cinque sedi in regione e tra queste quella maceratese presieduta da pochi giorni da Maria Rita Rippo e con ubicazione nella sede dell’Ircr. Una localizzazione che è a rischio dopo l’ipotesi prospettata di un trasferimento a Montecassiano (leggi l’articolo). Su questo il direttore dell’Area Vasta 3, Alessandro Maccioni, chiarisce: «Riconosco l’eccellenza della formazione e la qualità dell’insegnamento ma io sono un esecutore di scelte che sono fatte in Regione, la convenzione con l’Ircr sarà intanto rinnovata ma la decisione definitiva scaturirà da un incontro del presidente Ceriscioli con il rettore e il sindaco di Macerata previsto per il 12 dicembre».

 

Lauree_Infermiere_FF-7-650x434

 

Intanto il presidente dell’ordine degli infermieri Sandro Di Tuccio chiede di aumentare il numero degli accessi per rispondere alle esigenze di una società con meno medici e più anziani. Prima della cerimonia Maccioni è poi tornato sul caso dell’ostetrica licenziata per la mancata vaccinazione: «Operiamo su indicazioni scientifiche e non possiamo tenere persone che non danno sicurezza. Gli infermieri e tutto il personale medico devono essere i promotori della vaccinazione». Il sindaco Romano Carancini chiede maggiore riconoscimento del corso in città e promette di mettere a disposizione il teatro Lauro Rossi per le prossime lauree: «Un corso che si lega alla tradizione umanistica di Macerata, per i giovani una opportunità lavorativa con valori da riscoprire».

 

Lauree_Infermiere_FF-4-650x434

Da sinistra il rettore Univpm Sauro Longhi, il rettore Unimc Francesco Adornato, la presidente del corso Maria Rita Rippo e il presidente dell’ordine degli Infermieri Sandro Di Tuccio

 

La certezza dell’occupazione è il punto di forza del corso. Lo evidenzia il rettore Longhi elencando i numeri: «Il 75% trova lavoro entro un anno e l’11% si iscrive alla magistrale. Funziona anche l’ascensore sociale perché l’84% dei laureati proviene da famiglie con più basso tasso di scolarizzazione». Importante anche il rapporto tra docenti a vario titolo e studenti che è di uno a due. I tirocini si svolgono negli ospedali di Macerata, Camerino e Civitanova. «La prossimità con il luogo di residenza è un valore da conservare», spiega Rippo. «Il nuovo ospedale dovrebbe contenere anche la scuola UnivPm – auspica il sindaco – ma la città può valorizzare molti spazi come anche quello di Santa Croce ora chiuso per il sisma».

 

Lauree_Infermiere_FF-1-650x434

Il corso è a numero programmato (67 gli iscritti al nuovo anno) e prevede una prova di ammissione e forma “specialisti sanitari in possesso di una formazione culturale e professionale avanzata per intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca sia nell’ambito pertinente alla professione infermieristica che ostetrica”. Il polo di Macerata ha nei tre anni un totale di 191 iscritti, 47 docenti, un direttore Adp (Rita Fiorentini), 4 tutor, 49 guide (i coordinatori infermieristici delle unità operative dove fanno tirocinio gli studenti ed hanno responsabilità organizzative e valutative del tirocinio degli studenti stessi) e altre 7 tecnici e amministrativi che completano il personale. Secondo il XX Rapporto AlmaLaurea 2018 sono stati 336 sono i laureati in Infermieristica dell’Università Politecnica delle Marche nel 2017 (cinque poli), il 72% sono donne.   Il Corso di Laurea in Infermieristica prevede un’organizzazione complessa frutto di ore di lezioni in aula e ore dei tirocini in ospedale, con attività didattiche di laboratorio, didattica elettiva ed esami di profitto che vengono svolte nella sede del corso.

 

Lauree_Infermiere_FF-3-650x434

Lauree_Infermiere_FF-1-650x434

Scienze infermieristiche, l’Udc: «Lottiamo per tenere il corso a Macerata»

«Scienze infermieristiche, non spostate la laurea da Macerata»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X