«Simone uno di noi»,
500 fan per il primo firmacopie (Foto)

MONTECOSARO - Una folla ieri sera al Karta bookbar dove il vincitore di Masterchef ha presentato il suo libro. Quando aprirà un ristorante? «Quando so pronto»
- caricamento letture

simone-scipioni-firmacopie-8-650x434

simone-scipioni-firmacopie-2-325x217

 

di Laura Boccanera

(foto di Federico De Marco)

Hanno sfidato pioggia, vento e temperature che di primaverile, a dispetto del calendario, avevano davvero ben poco e muniti di ombrelli hanno aspettato ore prima di riuscire a raggiungere lui, il nuovo patrono laico di Montecosaro, Simone Scipioni, settimo Masterchef d’Italia. «A Montecosaro non c’è mai stata una cosa così», «perché quando ha vinto, fuori dal teatro, pure i fuochi d’artificio». La folla chiacchiera fuori all’aperto, coperti dal provvidenziale cortile coperto che fiancheggia il Karta bookbar di Montecosaro, il luogo scelto per il primo firmacopie del libro edito da Baldini e Castoldi “Al mio paese”. E il suo paese in effetti è sceso in massa per omaggiarlo. C’erano i parenti, come i fan arrivati anche da città vicine, da Macerata, da Ancona. Anziani come bambini, tantissimi: tutti estimatori del loro concittadino: chi gli porta un disegno, chi indossa un cappello da chef, altri gli portano addirittura regali “marchigiani”, come l’immancabile ciauscolo.

simone-scipioni-firmacopie-7-650x434«E’ uno di noi», dicono mentre in fila ordinati, aspettano di entrare nel locale per una foto e una firma. Alle 21.20 i 360 libri ordinati sono già finiti, chi non ha ordinato non potrà acquistarne una copia e dovrà attendere il riordino. Fuori ad aspettare, a turni, almeno 500 persone che per ore e con gli ombrelli aperti hanno aspettato per stringere la mano. Simone Scipioni è circondato dagli amici, dai parenti, non si aspettava tutta questa gente, ma non si spazientisce, continua a firmare e a regalare sorrisi e autografi. Due ricette su tutte quelle che consiglia: una quella che preferisce mangiare, l’altra quella che preferisce cucinare: «Guarda come vongolo è la mia preferita, è un gazpacho ed è buonissimo, l’altra, quella che mi piace realizzare è la quaglia ripiena». Ventuno anni e un ritorno a Montecosaro acclamato come una star che però non sembra proprio avergli dato alla testa, anzi. Solido e ancorato alla tradizione, nelle ricette e nella testa, quando chiediamo quando aprirà il ristorante risponde come un vero marchigiano: «Quando so pronto», consapevole che il successo è un participio passato, il futuro è tutto da costruire e di strada ce n’è ancora tanta.

simone-scipioni-firmacopie-10-650x434

simone-scipioni-firmacopie-1-650x434

 

simone-scipioni-firmacopie-6-650x434

simone-scipioni-firmacopie-5-650x434

simone-scipioni-firmacopie-4-650x433

simone-scipioni-firmacopie-3-650x434

Simone, il nuovo Masterchef: «E’ una grande responsabilità Futuro? Valuterò le occasioni»

Simone è il Masterchef d’Italia Trionfo con dedica “a Montecò, il paese dei matti”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X