“Conosciamo solo il napoletano”
e il giudice nomina un interprete

MACERATA - Singolare decisione dopo che in una precedente udienza gli imputati hanno detto di non conoscere l'italiano
- caricamento letture
avvocato-andrea-di-buono

L’avvocato Andrea Di Buono

 

Gli imputati conoscono il napoletano ma non l’italiano, il giudice nomina un interprete. Una decisione singolare quella del giudice Francesca Preziosi del tribunale di Macerata dopo che nell’ultima udienza i sei imputati, in un processo che riguarda spaccio di droga, hanno detto di non capire l’italiano. Il giudice ha così deciso di nominare un interprete, l’avvocato di Civitanova Andrea Di Buono, originario di Napoli, per tradurre dal napoletano. L’udienza si terrà venerdì prossimo. «Una cosa singolare, indirettamente c’è stato un riconoscimento anche giuridico ad una lingua come il napoletano. Mi ha scritto persino l’università di Barcellona che ha saputo la cosa e mi conosceva perché avevo tenuto delle lezioni. Lì è da 15 anni che c’è un corso di laurea in napoletano. E’ da oggi pomeriggio che mi trovo a rispondere a colleghi di Napoli, di Milano, che mi scrivono dopo aver saputo della mia nomina a traduttore». L’avvocato ha rifiutato ogni compenso. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X