Su il sipario, c’è la Raci dei cowboy:
“Una commovente reazione al sisma”
FOTO

LA RASSEGNA - Taglio del nastro in stile country a Villa Potenza con Carancini, Ceriscioli, Pettinari e Sciapichetti. Il governatore: "Questa partecipazione è un segno di rinascita". Il presidente della Provincia: "La nostra è una terra ferita, ma conserva ancora attrattiva"
- caricamento letture
inaugurazione-raci-2017_foto-LB-44-650x433

Da sinistra: Angelo Sciapichetti assessore regionale, Antonio Pettinari presidente Provincia Macerata, Nazzareno Marconi vescovo di Macerata, Luca Ceriscioli presidente Regione Marche e Romano Carancini sindaco Macerata

 

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-2-325x217

Il taglio del nastro

 

di Gabriele Censi

(Foto di Lucrezia Benfatto)

Uomini, animali e la terra con i suoi frutti sono i protagonisti della Raci. La Trentatreesima edizione si è aperta oggi pomeriggio al centro fiere di Villa Potenza a Macerata. Al taglio del nastro con il presidente della Regione Luca Ceriscioli,  “Maestrale” un maestoso cavallo nero.  “Questa è la Raci di tutto il territorio provinciale – ha detto nel suo saluto iniziale il  padrone di casa Romano Carancini, rivolgendosi  ai sindaci presenti e assenti – . Nella staffetta con la Provincia siamo giunti a una curva prima dell’accelerazione. Quest’anno l’acronimo Raci viene declinato in modo nuovo, per dare profondità e dinamicità. L’abbiamo dedicato ai bambini, in 200 hanno partecipato stamattina con l’anteprima, sono loro la vera linfa del futuro. Lavoriamo per far tornare l’agricoltura al centro”.

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-42-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-48-325x217Il sindaco poi ha declinato le quattro parole chiave della rassegna: radici, agricoltura, cibo e innovazione e si è rivolto al governatore Ceriscioli, affrontando il tema del terremoto. “Seppure centrale – ha aggiunto il primo cittadino – lo abbiamo voluto tenere da parte perché questo è il momento della fiducia e della speranza. Sono passati sei mesi e c’è ancora molto da fare. E’ giusto criticare, ma dobbiamo mantenere un senso di comunità. Queste devono essere tre giornate di sorrisi”. Quindi la parola è passata al governatore.  “Una bella risposta al sisma da parte del settore primario che è abituato a resistere ai momenti più difficili –  ha sottolineato – . Vedere tutta questa partecipazione è quasi commovente. Spinge l’idea di un territorio che sta reagendo, il segno di una voglia di ripartire. Un’impressione molto positiva, rafforzata dalla sensazione che la manifestazione sia forte come gli anni scorsi, con tutte le espressioni e le eccellenze tipiche dell’agricoltura marchigiana: un settore che fa parte della storia della nostra regione e che rappresenta anche un trampolino per il futuro. Di questi tempi, avere questi segnali è una gran bella cosa”. Il governatore ha poi rimarcato l’interesse e la partecipazione giovanile alla Raci: “Non è casuale che gran parte dei fondi europei destinati all’agricoltura siano stati dedicati ai giovani che vogliono aprire un’attività nel settore. Sappiamo che partire non è facile, servono incoraggiamenti e investimenti. La scelta regionale ha avuto successo ed è stata premiata dai ragazzi stessi che hanno fatto ricorso all’opportunità offerta per seguire questa vocazione straordinaria che è l’amore per la terra. Il valore che promuovo sempre è la trasparenza, le Marche hanno solo da guadagnare dalla trasparenza, abbiamo grandi qualità, ma il nostro limite è che non sappiamo venderci. Un mondo trasparente ci permette di essere scoperti. Delle quattro lettere della parola Raci, voglio soffermarmi sulla “i” di innovazione: è la spinta per il futuro”. Al taglio del nastro non poteva mancare il presidente della Provincia Antonio Pettinari. “Oggi sono certo che la Raci proseguirà – ha detto – e per questo sono felice”.

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-11-325x217Il presidente ha ricordato anche le preoccupazioni dello scorso anno quando la rassegna è stata confermata per un soffio e non ha risparmiato una velata frecciatina alla Regione. “Ceriscioli fa bene a dire che questa è una rassegna delle eccellenze di tutte le Marche – ha concluso Pettinari -. La nostra è una terra ferita, ma che conserva ancora attrattiva: i turisti non debbono venire qui solo per solidarietà, ma soprattutto per godere delle nostre peculiarità, dall’enogastronomia al paesaggio”. L’inaugurazione si è chiusa in stile country con un’ immagine che rimarrà agli annali: tutte le autorità hanno indossato il cappello da cowboy. Esentato per rispetto solo il vescovo Nazareno Marconi. 

 

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-6-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-41-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-43-650x553

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-40-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-32-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-29-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-39-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-38-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-37-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-27-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-36-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-35-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-34-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-33-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-31-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-30-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-28-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-26-650x434 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-25-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-24-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-23-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-22-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-21-650x434 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-20-650x433

inaugurazione-raci-2017_foto-LB-19-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-18-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-17-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-16-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-15-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-14-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-13-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-12-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-10-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-9-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-8-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-7-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-5-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-3-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-47-650x448 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-46-650x433 inaugurazione-raci-2017_foto-LB-45-650x433

Cavalli e stivali, la Raci è country

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X