Botta e risposta

DIALOGHI - Modi di dire nel parlare quotidiano
- caricamento letture
mario_monachesi

Mario Monachesi

Quanti minimi dialoghi c’erano un tempo nel parlare quotidiano. Nel dialetto maceratese se ne riscontrano un’infinita lista. Eccone una rappresentanza, tratta dal libro “Piccoli dialoghi” (2002), di Mario Monachesi – Fernando Pallocchini.
-Me voli vè’?
-Te vojo vè’ e te amo, quanno vaco a cacà’ te chiamo!

-Come mai non ci-ha ancora lì fiji?
-O è largu lu puzzu o è corta la corda.

-Che ci-ha che sta male?
-Je se ‘ngazzatu lu patró’ de casa. (Cuore)

-‘Gna finì’ pe’ stasera.
-Che domà’ adè mortu d’un gorbu?

-Lassa fa…
-A lassa fa je se frecò la moje!

-De che adè mortu?
-S’era stufatu de cambà’!

-Che dici de fa’?
-De mettulu dentro e lasciallu sta’!

-Perché ride?
-Adè contentu d’esse natu!

-Dimme ‘na parola dorge…
-Ciammellottu!

(Ad una donna incinta)
-Guarda se do’ ha fatto la coa un cellu…
(La donna incinta)
-Però non è statu lu tua!

-Suscì picculu e ghjà vai co’ le donne?
-Guarda che mamma no’ me l’ha fattu pe’ sbattece le nuce! (Noci)

-Che me metto?
-La pella a lu rierso! (A rovescio)

(Tra chi tenta di far entrare qualcosa in un angolo stretto)
-Ce bbocca?
-Justu justu, maritu mia, s’adera più grossu non ce capia.

POESIA_VISIVA_PASQUA_MARIO_MONACHESI

La poesia visiva di Mario Monachesi per i lettori di Cronache Maceratesi


-Adè angora vergine?
-Sci, su le ‘recchje!

-Do’ si statu?
-A Macerata.
-Co’ che ce si ghjtu?
-Mmoccó a piedi e mmoccó caminenno.

-Vidi de fa’ che cosa…
-L’urdema parola…cosa!

(Ad uno che va al gabinetto)
-Do’ vai?
-A cambià’ l’acqua a lu vaccalà!

-Ne voli sindì’ una calla calla?
-Sci.
-Toccheme ‘sta palla.

-Voli a bée?
-Voli se dice all’ammalati!

-Te si sciupatu.
-Sci, li sordi!

-…Vamme jó la candina.
-O va’ (babbo), non me ne và.
-Quissu adè lu mejo, figureteve quill’atri.

-Che fai rittu?
-Deo finì’ a cresce.

-Vaco via.
-‘N gorbu a quanno rveni.

-Pioe?
-No, casca l’acqua!

-Quanto ci-hai?
-Mamma ci-ha misto nove mesi…

-Ce veni domà’?
-Se non me pija ‘n gorbu prima.

-Perché me guardi?
-Se guarda all’erba…non pozzo guardà’ a te faccia de mmerda!

-Chj è quillu?
-Co’ ‘n’andra orda che lu veco adè due.

-Me so’ spiegatu?
-E che si un lenzolu che ti si spiegatu.

-E adesso come se fa?
-Come l’antichi, che magnava le scorze e vuttava via li fichi.

-Che scole hi fatto?
-Cinque anni la prima e po’ me se morta la maestra.

-7 × 7 ?
-Quarandanove.
-Pija lu martellu e ‘cciacchete l’oe.

-Dimme ‘na parola focosa.
-Pipigasse.

(Il lavoro a casa di parenti o amici)
-La paga quant’è?
-Quello che tiri co’ li denti (pranzo o cena).

(Tra emigranti durante il viaggio per l’America)
-Tartavì’, se ‘ffonna la nave…
-Che me ne freca! Mica adè la mia…

-Ghjusto?
-Se non è ghjusto lo rpisimo.

-Adè friddo?
-Và tutti li celli senza coda.

-Come sta?
-Tira lu fiatu co’ li dendi.

-Se unu te dicesse: Pijilu, pijilu, pijilu, tu che faristi, lu pijiristi?
-Lu pijirio e lla lu culu te lu ficchirio.

-Ci-agghjo sete.
-Piscia e bii!

-Chj è stati?
-No’ lo dico ma lu ‘nzengo (indico) co’ lu nasu.

-Vaco via.
-Dopo no’ stai più qui!

-Vaffanculu.
-Vacce tu che si più duru!

-Ci-hai ‘na sigheretta?
(Pronta la sigheretta)
-Ci-hai da ‘ppiccià’?
-Voli che te la fumo pure?

-Quant’anni ci-hai?
-Tutti quilli e non più.

-Che c’è per magnà’?
-Li salippi!

-Ci-ho paura.
-E de che, dell’asina nuda.

-Come va?
-A modu d’atri.

-Do’ vai?
-A lettu.
-E che si ‘mbastatu co’ lo sonno.

-A lu villà’ (contadino) no’ je fa’ sapere quant’adè bono lo cascio co’ le pere.
-Patró’, non te penzà’ che so’ marguttu…adè più boni li fichi co’ lu prisuttu.

-Chj ha sganciato (fatto una puzza)?
-Chj per primu la sende, dar culo je pende.

(D’estate quando fa molto caldo e sembra stia per mutare il tempo)
-Pioe?
-Sci, su la fronde!

-Chj adè rmasti?
-Marcu, Cuccu, Llenda e Manicu d’angì’.

-Come te chiami?
-Io non me chiamo mai, me chiama l’atri.

-Dio te venedica.
-Co’ la crosta e la mujica.

-Quanda née ha fatto?
-Un culu (mezzo metro circa).

-Ce rvidimo.
-Se non ce rvidimo, ‘ppiccimo la luce!

-Quanno?
-Un ghjornu de ‘st’anno ma non te saccio di’ se quanno.

-Cerescià’, me dai ‘na cerescia?
-No!
-Te sego lu ramu…
-Sega ‘m-bo’.
-Te sego la pianta?
-Cascherò ghjó!

-Com’è ghjta?
-A coccu de pippa (bene).

-Do’ vai che pioe…?
-Passo tra ‘na goccia e ‘n’antra.

-Chj t’ha creato e mmisto ar munnu?
-Babbu e mmamma co’ lu mméstecafurnu.

-Embè?
-…mbè’ ce fa le pecore, tu si un pecorà perciò valle a parà’ (pascolare)!
-Tu si ‘n contadì’ perciò valle a pulì’!

-Che ci-hai?
-Un ghjornu più de ieri.

-Mani in alto!
-Culu in basso, pija moje e vanne a spasso.

-Vè’ lo pioe…
-Finché pioe non se secca gnende!

Fija – io a quissu (spasimante) non me lu pijo!
Matre (golosetta)- Cocca, quissi adè cazzi che de casa nostra no’ scappa. O te lu pappi tu o me lu pappo io.

-Che ci-hai da ride?
-Rrido pe’ no’ piagne.

-Che ora adè?
-L’ora che te lu combri.

-Ce rvidimo.
-Se non ce rvidimo prima, ce rvedarimo sull’ossariu (da morti).

-Che dice issu?
-Non parla, non cica, non vòtta.

-Pioe?
-Ne vutta jó che più no’ la sparte.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X