Il laboratorio di tessitura
riapre dopo il sisma

PIEVEBOVIGLIANA - L'attività di Franca Caprodossi, insegnante dell'antica tecnica di artigianato locale, ha riaperto i battenti
- caricamento letture
caprodossi

Franca Caprodossi al lavoro con il suo telaio

 

L’antica tecnica della tessitura a mano: un’arte che ha portato il nome di Pievebovigliana nel mondo. E che in tempo di terremoto potrebbe dare impulso al rilancio del centro maceratese. Proprio a causa del sisma Franca Caprodossi, ex insegnante dell’istituto tecnico e dell’istituto d’Arte di Tolentino erede di questa tecnica sopraffina (riscoperta nel dopoguerra dall’artista Maria Ciccotti ) ha dovuto chiudere il suo laboratorio. Dopo la pausa però oggi l’artigiana ha ripreso la sua attività. A lei va quindi il merito non solo di aver ripreso da alcuni anni questa prestigiosa tradizione con la realizzazione su telai manuali di prodotti di eccezionale raffinatezza ma anche quella di non aver desistito riprendendo l’attività nonostante i disagi causati dal sisma.

 

 

 

tessitura

tessitura-2-488x650



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X