Colosi è il nuovo presidente del Consiglio:
eletto alla terza votazione

TOLENTINO - La nomina è arrivata nonostante le dure critiche da parte dell'opposizione. Il Pd: "e' assoluta follia". Mercorelli (M5S): "Lite con Ceselli è stata per spartirsi un ossicino da 5mila euro da qui a fine mandato"
- caricamento letture
Francesco Pio Colosi è il nuovo presidente del Consiglio di Tolentino

Francesco Pio Colosi è il nuovo presidente del Consiglio di Tolentino

 

L'ex presidente Sclavi durante la votazione

L’ex presidente Sclavi durante la votazione

 

di Federica Nardi

È Francesco Colosi il nuovo presidente del Consiglio comunale di Tolentino. È la terza votazione che lo nomina successore del dimissionario Mauro Sclavi. Colosi, 29 anni, volto giovane dell’ala Fdi-An, al momento ha in mano la delega allo Sport e attività giovanili. A sancire la proclamazione da parte del vicepresidente Marco Romagnoli un applauso della maggioranza. Prima della votazione la nomina di Colosi, emersa nei giorni scorsi, è stata duramente attaccata dall’opposizione. I numeri della votazione: su 11 votanti, 9 preferenze per Colosi e 2 schede bianche per tutte e tre le votazioni. Bruno Prugni (Pd) all’inizio del Consiglio (tuttora in corso)  aveva detto che la nomina di Colosi nel ruolo di presidente era “assoluta follia”. Facendo riferimento a un episodio in cui Colosi sarebbe entrato in sala consiliare facendo il saluto fascista. Gian Mario Mercorelli (5stelle) sottoscrive e rincara “la lite con Ceselli è stata per spartirsi un ossicino da 5mila euro da qui a fine mandato”. Comi accusa il sindaco Giuseppe Pezzanesi di aver “tenuto fuori il Consiglio dal dibattito per la nomina del presidente”. Colosi a tutto questo ribatte dallo scranno del presidente: “sono quattro anni che servo la città e mi hanno eletto con 239 voti alle elezioni”. Pezzanesi difende Colosi ricordando all’opposizione che “la democrazia è saper accettare il risultato delle urne” e per chi tra gli scranni di minoranza ha nominato i martiri di Montalto per rivendicare le radici antifasciste di Tolentino “per onorarli bisogna anche esserci alle manifestazioni”.

Non hanno partecipato alla seduta né Giovanni Gabrielli né Carmelo Ceselli che aveva preannunciato la sua assenza.

 

colosi_sclavi

Il passaggio di consegne tra Colosi e Sclavi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X