Alla Raci in 19mila:
“Sei stato forte Romano”

MACERATA - Oltre 130mila euro di incasso e i complimenti dell'ufficio zootecnico regionale sono la lode nel bilancio della 32esima rassegna agricola appena finita al centro fiere di Villa Potenza. Il presidente Pettinari benedice l'operato del primo cittadino a cui ha passato il testimone. Il sindaco Carancini pensa al 2017: "Abbiamo una Ferrari. Ora mandiamola al massimo"
- caricamento letture
Carancini_pettinari_Foto LB (1)

Sorridenti il sindaco Romano Carancini e il presidente della Provincia Antonio Pettinari presentano il bilancio della 32esima Raci

 

Carancini_pettinari_Foto LB (2)

di Claudio Ricci

(foto di Lucrezia Benfatto)

«E’ stata la vittoria di una grande famiglia. Tutto pensato e voluto per il territorio di cui abbiamo preso consapevolezza». Il sindaco Romano Carancini affida il racconto della 32esima Raci, la prima ad essere organizzata dal Comune di Macerata che riceve l’onere e l’onore dalla Provincia, oltre che ai numeri alle sensazioni. «Abbiamo una Ferrari e dobbiamo spingerla al massimo» è la metafora usata dal primo cittadino che già pensa all’edizione numero 33. I dati parlano chiaro: da venerdì a domenica al centro fiere di Villa Potenza sono arrivati 18.555 visitatori paganti per un incasso da 82.813 euro, 111 espositori da tutta Italia per un concessioni di spazi che sfiorano i 50mila euro, 25 allevatori dalle province di Macerata, Ascoli, Perugia, ed Ancona per 193 bovini in mostra.

Inaugurazione Raci 2016_Foto LB (5)

raci

Carancini e Pettinari, sullo sfondo un’immagine del video racconto firmato da Alia Simoncini con Cilindro il vincitore della gara bovina (foto Ufficio stampa del Comune)

Su tutti ha primeggiato Cilindro dell’azienda Mei di Morrovalle (leggi l’articolo) «di cui nella fretta abbiamo diffuso una foto sbagliata» ammette il sindaco a difesa del suo staff. Ma aldilà dei complimenti per la qualità del bestiame inviati al sindaco dall’ufficio zootecnico della Regione il reparto animale non è solo bovino. Vacche e tori hanno condiviso l’area espositiva del centro fiere con 200 esemplari e 47 razze estere di colombi portati dall’associazione colombofila presente con 30 allevamenti. Chiudono la carovana 1000 pecore, 57 cavalli e 95 aziende agricole. «Un grazie sincero anche ai tanti concessionari di macchine agricole presenti – sottolinea Carancini in risposta alla mancata partecipazione dell’Unacma presieduta Leonardo D’Amico – Allarghiamo le braccia per il 2017 a chi, per qualche ragione, non ha potuto o voluto partecipare».

Inaugurazione Raci 2016_Foto LB (4)

Conf Raci_Foto LB

Alcuni degli allevatori e dei rappresentanti delle associazioni che hanno collaborato alla riuscita dell’evento

Sulla scia dell’entusiasmo di un’edizione da record, che nella giornata di domenica ha visto un afflusso di persone «imbarazzante» il sindaco getta già le basi per la rassegna dell’anno prossimo, già programmata dal 21 al 23 aprile 2017. «Cominceremo a lavorare per la prossima ad ottobre – annuncia Carancini – Bisognerà costruire un percorso condiviso con i Comuni sui temi del turismo e delle peculiarità del territorio. Pensiamo anche ad un allungamento temporale della rassegna con aperture alle scuole e alle università. Altra direttiva è l’internazionalizzazione (la razza bovina marchigiana e la collaborazione con Paesi esteri). Ci piacerebbe poi che il mare fosse più presente, per rafforzare il meglio della produzione locale. Le aziende devono rendersi conto che siamo una vetrina unica a livello regionale». «Intanto – assicura il sindaco – l’amministrazione è all’opera nel reperimento di fondi nazionali ed europei per la ristrutturazione del centro fiere».

Pettinari_Foto LB«Sei stato forte Romano – è la pacca sulla spalla del presidente della Provincia e mentore della Raci Antonio Pettinari – Interrompere la rassegna sarebbe stato un tradimento verso chi in questi anni ha lavorato a questa realtà. La rassegna non si sarebbe fatta più. Invece è stato un vero successo, il tassello che i mancava. Grazie all’amministrazione la Raci è più bella che mai e ha una prospettiva, un futuro. Le iniziative non si possono relegare ad un’amministrazione o ad un’ente. La collaborazione paga e il successo di quest’anno lo ha dimostrato». L’intervento del governatore Luca Ceriscioli al taglio del nastro rompe il boicottaggio della Regione alla rassegna. «Abbiamo un alleato in più Romano – è il commento di Pettinari – E’ bene che la Regione inizi a pensare alla rassegna in termini di manifestazione regionale visto l’afflusso di visitatori anche da regioni limitrofe».

Cilindro vincitore Raci 2016 (1)

Cilindro, vincitore assoluto di Raci 2016

Cilindro vincitore Raci 2016 (2)

Inaugurazione Raci 2016_Foto LB (6)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X