Abuso d’ufficio, indagine sulla giunta
Corvatta: “Siamo tranquilli”

CIVITANOVA - Il sindaco, il vicesindaco Silenzi e gli assessori compaiono in un fascicolo aperto dalla procura che sarebbe relativo ad opere realizzate in città negli ultimi tempi e tra queste il Civita Park. Il primo cittadino: "Siamo fiduciosi nella giustizia e pronti a dare piena collaborazione"
- caricamento letture

tommaso corvatta - FDM

 

Abuso d’ufficio, la procura indaga sulla giunta comunale di Civitanova: il sindaco Tommaso Claudio Corvatta e il vicesindaco Giulio Silenzi e tutti gli assessori sono stati iscritti nel registro degli indagati. Il primo cittadino: «Sono tranquillo, siamo pronti a dare la piena collaborazione alla procura».

Indagine sulla giunta di Civitanova, sindaco, vicesindaco e assessori compaiono in una inchiesta avviata dalla procura di Macerata e che sarebbe nata dal fallimento della società Civitapark (lo scorso febbraio) e che negli scorsi mesi ha portato ad una serie di accertamenti oltre che sul palazzetto anche su altre opere (una di queste sarebbe il Cuore Adriatico) che sono state realizzate a Civitanova negli ultimi tempi. L’inchiesta è venuta a galla in seguito alla richiesta, nei giorni scorsi, di una proroga delle indagini (iniziate sei mesi fa). Gli investigatori sono ancora al lavoro e non è possibile apprendere ulteriori dettagli perché coperti da segreto istruttorio. Nemmeno gli indagati, cui è arrivato l’avviso di garanzia nei giorni scorsi, sono a conoscenza di ulteriori notizie sull’indagine, solo che viene contestato loro l’abuso d’ufficio. «L’avviso di proroga delle indagini preliminari è arrivato a tutta la mia giunta – dice il sindaco Corvatta –. Siamo fiduciosi nella giustizia e favorevoli a qualsiasi chiarimento.

Il cantiere del palazzetto con vista sulle gradinate lato nord

Il Civita Park quando erano in corso i lavori per la realizzazione

E’ positivo che la procura abbia chiesto una proroga delle indagini e, nel caso ce lo chiedano, daremo piena collaborazione. Viviamo questa situazione con estrema serenità». La vicenda potrebbe nascere dalle vicende relative all’imprenditore Mattucci, finito in manette nei mesi scorsi per fatti avvenuti in Abruzzo, con la procura decisa a fare chiarezza aprendo una indagine per sgombrare dubbi sulla regolarità delle opere edificate negli ultimi tempi a Civitanova. «Sul Civita Park abbiamo fatto un percorso il più chiaro e trasparente possibile e non temiamo nulla» Su Mattucci: «Lo abbiamo conosciuto nel 2013, era una persona chiacchierata, prima di parlarci abbiamo controllato più volte se avesse pendenze con la giustizia, ma non risultava nulla. Il nostro rapporto con lui è stato limpido e trasparente, all’ente, non ha causato danni, almeno dal 2013. Ma non so nulla di quello che è successo prima, il suo nome a Civitanova è comparso nel 2006».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X