Acque bianche al porto,
sequestrati tre bidoni di vernice

CIVITANOVA - Mentre la procura ha aperto un fascicolo sulla chiazza biancastra comparsa ieri in mare, guardia costiera e polizia municipale hanno trovato tre bidoni che erano all'interno di un edificio in ristrutturazione che si trova poco lontano da un tombino dove potrebbe essere avvenuto lo sversamento
- caricamento letture
La chiazza bianca al porto di Civitanova

La chiazza bianca al porto di Civitanova

chiazza bianca porto (1)di Laura Boccanera

Sequestrati 3 barattoli di idropittura. In attesa delle analisi che sono in fase di svolgimento da parte dell’Arpam, la Guardia costiera, in collaborazione con la polizia municipale di Civitanova, ha effettuato un sequestro di tre bidoni presenti all’interno di un edificio vuoto in ristrutturazione e dove sarà aperto un esercizio commerciale. Dopo lo sversamento in porto, ieri mattina a Civitanova (leggi l’articolo) di una sostanza tipo vernice che ha inquinato le acque dello specchio portuale formando una chiazza biancastra entrata in soluzione col mare, proseguono le indagini e anche la procura di Macerata ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di smaltimento di rifiuti non autorizzato.

chiazza bianca porto (2)L’esercizio commerciale di prossima apertura si trova a circa 40 metri dal tombino nel quale i vigili urbani hanno trovato tracce di quella che presumibilmente è la stessa sostanza biancastra finita in mare. Dalla vetrina di questo locale di via Isonzo la guardia costiera ha visto i 3 bidoni semivuoti e ha proceduto al sequestro dopo un ulteriore prelievo per campionamento da confrontare con quello della sostanza presente in mare e con quella del tombino. La municipale ha avvisato la ditta che stava facendo i lavori nella struttura e gli operai hanno collaborato fornendo i barattoli e dichiarandosi però totalmente estranei ai fatti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X