Saldi positivi ma senza il botto:
“Il centro chiuso spaventa i clienti”
Pizzicata a fare compere la deputata Manzi

MACERATA - Segno più per i primi giorni degli sconti di fine stagione per i commercianti del cuore della città. Regolamentazione del traffico e grande distribuzione i due maggiori ostacoli per le vendite. Negozi e boutique non si lamentano ma c'è anche chi ha dovuto chiudere per carenza di clienti spaventati dalla mobilità off limits. Intanto è stato attivato il semaforo di via Don Minzoni per chiarire le modalità d'accesso
- caricamento letture

 

silvian heach

Corinna Barboni, commessa del negozio Silvian Heach

di Claudio Ricci

“Saldi di gioia?” Sembra essere questa la domanda speranzosa che i commercianti del centro storico di Macerata si fanno a due giorni dall’apertura degli sconti, iniziati sabato scorso. I primi interessati dall’assalto dei clienti sono i negozi d’abbigliamento. Dalle boutique alla moda giovane gli esercenti sembrano fiduciosi in questo avvio degli sconti di fine stagione. «A Natale abbiamo registrato un +35% di vendite rispetto allo scorso anno – racconta Corinna Barboni commessa di Silvian Heach, catena di abbigliamento da donna con un punto vendita in corso Matteotti – e anche i saldi sembrano andar bene con un 2% in più. Il saldo di fatto è più accattivante per gli articoli fuori programma. Tuttavia registriamo da parte dei clienti un atteggiamento più titubante rispetto allo scorso anno. Vanno guidati all’acquisto». Fiduciosa anche la prima impressione dei titolari delle boutique.

20150105_172100

La vetrina della boutique Saint German in corso Matteotti

Gianni Fontanella dello storico negozio Saint Germain di corso Matteotti dice: «Un incremento più incisivo rispetto a quello dello scorso anno. Una tendenza che abbiamo registrato già 4, 5 giorni prima di Natale. Poi abbiamo chiuso e alla riapertura di sabato scorso abbiamo visto subito un’ottima risposta dei clienti». Buona la tenuta degli acquisti anche per un’altra boutique, Via de Vico: «Un lieve calo rispetto al 2013 – spiega Grazia Gentile – ma tutto sommato poco rilevante. Per fortuna i clienti che si servono da noi non si fanno spaventare dalle limitazioni al traffico del centro. Generalmente sanno ciò che vogliono e anche il periodo di sosta qui in piazza è limitato e senza problemi».

saldi bulli e pupe

Gli sconti nel negozio Bulli e Pupe in corso Matteotti

Non è della stessa opinione Amedeo Patrassi, proprietario del punto vendita “Bulli e Pupe” in centro storico, che lo scorso 31 gennaio ha dovuto chiudere un altro negozio Boys and Girls, abbigliamento per bambini in corso Matteotti. «Purtroppo la gente pensa che il centro sia blindato e di conseguenza non viene a fare acquisti. Ho dovuto chiudere il negozio per carenza di vendite. Purtroppo il settore abbigliamento è l’unico vincolato a periodi di tempo per poter applicare i saldi. Questo non ci avvantaggia, senza contare che l’apertura dei saldi al 3 gennaio è deleteria. In questo modo i clienti preferiscono aspettare qualche giorno e fare gli acquisiti solo dopo Natale. I saldi dovrebbero essere di “fine stagione”».

La deputata del Pd Irene Manzi fa acquisti a Macerata prima di riprendere i lavori in Parlamento

La deputata del Pd Irene Manzi fa acquisti a Macerata prima di riprendere i lavori in Parlamento

Centro storico chiuso e  concorrenza con la grande distribuzione rimangono i due maggiori ostacoli con cui fare i conti. E mentre la deputata del Pd Irene Manzi preferisce i saldi maceratesi alle svendite di Roma dove non tornerà prima della ripresa dei lavori parlamentari il 7 gennaio,  al varco di via Don Minzoni arriva il tanto atteso semaforo per chiarire le modalità di accesso al centro. «Doveva essere installato con la sperimentazione della pedonalizzazione partita a settembre – si sfoga Federico Ferretti, proprietario della corniceria di piaggia della Torre – e invece è stato attivato solo dopo Natale, quando la maggior parte degli acquisti era già stata fatta». Ma non tutti hanno passato un Natale “amaro”. «E’ stato un buon periodo di vendite – dice Chiara Tomassetti titolare della Bottega del Libro in corso della Repubblica – la letteratura per bambini e i giocattoli sono stati il settore trainante. E speriamo che anche l’avvio incoraggiante degli sconti post-natalizi confermi questa discreta tendenza».

Boys and Girl, chiuso lo scorso 31 dicembre

Boys and Girl, chiuso lo scorso 31 dicembre

Via de Vico,buoni i saldi anche per le boutique a Maerata

Via de Vico, buoni i primi saldi per le boutique a Macerata

20150105_175128

I clienti hanno mostrato un discreto interesse per i saldi nel centro storico di Macerata

sconti bottega del libro

Gli sconti alla Bottega del Libro

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X