Fiera di Civitanova, battaglia dei cartoncini
“Le persone serie lavorano
e non si intimidiscono”

Il sindaco rivendica il successo della manifestazione radiantistica: "L'Alfad non ci dà sufficienti garanzie. Che rapporti ha con Marzetti?". Il vicesindaco Silenzi: "Sceneggiata triste e patetica da parte di chi ha lasciato solo rogne". Critica anche Mirella Franco, capogruppo del Pd in consiglio comunale
- caricamento letture
Il sindaco Tommaso Corvatta e il vice Giulio Silenzi con il manifesto di risposta al gesto dell'opposizione

Il sindaco Tommaso Corvatta e il vice Giulio Silenzi con il manifesto di risposta al gesto dell’opposizione

di Laura Boccanera

“Le persone serie lavorano e non si intimidiscono”. Slogan per slogan il sindaco Corvatta sta al ‘gioco’ dell’opposizione e nel corso della conferenza stampa di replica allo striscione apposto ieri dal centrodestra di fronte alla vecchia sede dell’ente fiera (leggi l’articolo) risponde con la stessa moneta. Anzi prende proprio carta e pennarello e “manifesta” con tanto di cartello la risposta. “Questa è la risposta a tutti coloro che alzano il tono del conflitto con atteggiamenti folkloristici fuori binario rispetto alla dialettica politica” – spiega Corvatta che annuncia a breve un incontro in Regione per presentare una proposta per le manifestazioni fieristiche, sia per la gestione che per la location. “Come se non bastassero le difficoltà legate ai contenziosi, all’Alfad e ai rapporti difficili con la regione, l’opposizione crede di stare a Giochi senza frontiere – commenta Corvatta – e invece di collaborare critica in modo inappropriato e facendo ostruzionismo”. Secondo il primo cittadino il successo della manifestazione dedicata alla Radiantistica e all’elettronica che si è tenuta questo week end nei padiglioni Simonetti sarebbe la miglior risposta della bontà della scelta di cercare strade alternative rispetto a quelle proposte dalla società di Formica: “l’Alfad non ci dà sufficienti garanzie per instaurare un rapporto tranquillo, ma c’è un interrogativo che è ancora più inquietante – sottolinea Corvatta – come faceva il consigliere Sergio Marzetti ad avere una mail privata intercorsa fra Alfad e amministrazione comunale? Che rapporti intercorrono fra Formica e Marzetti?”.

Ancora più diretto il vice Giulio Silenzi che etichetta l’azione del centrodestra una “sceneggiata triste e patetica”. Silenzi richiama l’ex maggioranza alle proprie responsabilità rispetto al degrado dei padiglioni fieristici e ai ritardi del nuovo complesso: “forse l’opposizione si dimentica di avere un passato e che su quella soglia per dieci anni hanno annunciato l’imminente inaugurazione della nuova fiera, peccato che Mobili non si sia neanche accorto delle fideiussioni fasulle. E’ un patetico tentativo di attirare l’attenzione su questioni di lana caprina, la verità è che il centrodestra ci ha lasciato solo rogne e ancora oggi non sappiamo cosa ci verrà consegnato della nuova fiera dal momento che nel capitolato non ci sono le specifiche dei collaudi. Noi stiamo lavorando e cerchiamo nuove strade per risolvere i problemi, per questo faremo alla Regione una proposta per uscire da questo stallo e che terrà conto degli interessi del Comune”.

Mirella Franco, capogruppo del Pd

Mirella Franco, capogruppo del Pd

 

Interviene anche Mirella Franco capogruppo Pd: “Un centrodestra ormai isolato e miope, riunisce la sua sparuta pattuglia da mesi capace solo di dare fiato alle critiche, nelle stesse ore in cui nella zona Einaudi, nei padiglioni della Simonetti, si stava svolgendo con successo la fiera dell’elettronica e della radiantistica. Una notizia non pervenuta ai ‘nostri’ descaisados da salotto. E così, in quello striscione attorniato dalle facce stanche di ex, più avvezzi alle poltrone che alla strada e ai sit in, e si vede, c’è tutta l’impotenza di un centro destra che proprio non accetta che la nuova amministrazione faccia scelte diverse dalla precedente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X