Ottavia Piccolo a Montelupone: ” Il dubbio è l’arma contro l’omologazione”

Con Vittorio Viviani nello spettacolo tratto dal libro di Gianrico Carofiglio al Nicola Degli Angeli, domenica 3 marzo alle 21:15
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

ottaviapiccolo_vittorio_viviani_arte_del_dubbio_800_800

Ottavia Piccolo e Vittorio Viviani ne “L’arte del dubbio”

di Gabriele Censi

Ottavia Piccolo e Vittorio Viviani saranno a M0ntelupone al teatro Nicola Degli Angeli domenica 3 marzo (inizio spettacolo ore 21.15) con “L’arte del dubbio” dal libro di Gianrico Carofiglio, nella versione teatrale di Stefano Massini. Regia di Sergio Fantoni. Musiche per arpa eseguite dal vivo da Floraleda Sacchi. Abbiamo raggiunto l’attrice per una intervista alla vigilia dello spettacolo.

Partiamo proprio dal tema dello spettacolo, il dubbio. In un momento storico così pieno di incertezze il dubbio è un valore? Proprio per il momento che viviamo dobbiamo acquisire pienamente il valore positivo del dubbio, a chi ci vuole imporre delle certezze dobbiamo rispondere con delle domande. E’ importante avere delle idee ma non si deve prendere per buono tutto quello che ci raccontano. Poi c’è anche un dubbio con accezione negativa. Nello spettacolo parliamo anche dell’uccisione del  prete anticamorra Don Diana sui cui si è scatenata la macchina del fango che ha fatto emergere il dubbio sulla sua onorabilità.

Lei ha avuto numerosi successi e riconoscimenti nella sua lunga carriera, c’è ancora qualcosa che vorrebbe fare? Non ho sogni nel cassetto preconfezionati, mi piace poter continuare il mio lavoro incontrando collaboratori che mi stimolano come nel caso di Stefano Massini, un giovane autore italiano di talento. Questa è la quarta collaborazione che facciamo insieme e non è usuale. Gli stimoli vengono dal gruppo di lavoro oltre che naturalmente dall’apprezzamento del pubblico. Proprio in questo momento di crisi il teatro che non è al di fuori della vita reale può dare una spinta positiva, con i giovani che hanno qualcosa da dire e vanno incoraggiati. Bisogna dar loro fiducia e debbono avere gli stessi spazi che abbiamo avuto noi, è un dovere.

Sarà per la prima volta a Montelupone, conosce questo territorio? Conosco molti luoghi delle Marche,  mia madre seppure nata a Tripoli era una anconetana, ma io tra parenti e affini, luoghi di vita e di lavoro ho contaminazioni in tanti di quei posti che sono a casa in tutta Italia. Sono curiosa di scoprire per come mi è stato descritto il bellissimo teatro Nicola Degli Angeli. La vostra è una terra di grande tradizione teatrale e questa va conservata e protetta.

***

Ottavio PiccoloUn “cabaret del dubbio” dove niente è dato per scontato, una moderna commedia dell’arte articolata in quadri in cui i giochi di parole, lo strumento dell’interrogatorio e la forma del processo fanno sì che Ottavia e Vittorio si divertano a indossare i panni dei tipi più disparati; e lo fanno su un teatrino da fiera di paese, con siparietto, quinte e luci che ricorda il teatro-cabaret brechtiano. Già dall’inizio, Adamo ed Eva, nudi nelle loro sagome, sono stuzzicati dal serpente che, con la voce di Gioele Dix, insinua loro il dubbio, un Dubbio con D maiuscola.  In effetti il serpente si sostituisce al creatore con il suo bizzarro decalogo “Io sono il dubbio, non esiste altra verità all’infuori di me”, e diventa il motore che alimenta e suggerisce i diversi episodi che appaiono in scena. Le musiche per 10 strumenti, composte da Cesare Picco, ed eseguite dal vivo dal musicista Nicola Arata, scandiscono i ritmi vivaci dello spettacolo che diventano tesi nei pezzi più impegnati: l’assassinio di Don Peppino Diana a opera della camorra e la morte dei sette operai della Thyssen.

“Gianrico Carofiglio – afferma il regista Fantoni – ha il merito di aver portato, con il suo straordinario libro L’Arte del dubbio, il tema del Dubbio fuori del perimetro strettamente giuridico per lasciare che dilagasse nella realtà quotidiana.”

 

Info: Biglietti dalle ore 18,00 del giorno dello spettacolo alla biglietteria del Teatro; inoltre anche telefonicamente al numero 0733 226916 sempre a partire dalle ore 18,00. Oppure agli sportelli della Banca di Credito Cooperativo di Recanati e Colmurano nelle filiali di: Montelupone, Appignano, Colmurano, Macerata, Montecassiano fraz. Sambucheto, Porto Recanati, Recanati agenzia e sede, Matelica, Porto Potenza Picena, San Severino Marche e Tolentino  e on-line su www.comune.montelupone.mc.it. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare anche il numero 0735 736302.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X