Cinque maceratesi con Magdi Allam
“Alle elezioni ci siamo anche noi”

"Io Amo l'Italia" si presenta. Aldo Alessandrini e Carla Palazzo sono in lista per il Senato, Rocco Tirabasso, Roberta Castignani e Filippo Bruè per la Camera: "Nessuno di noi è stato invitato alla Giornata di mobilitazione nazionale” organizzata da Rete Impresa Italia"
- caricamento letture
magdi_allam

Magdi Allam con l’avvocato Aldo Alessandrini

Dall’avvocato Aldo Alessandrini del movimento “Io amo l’Italia” riceviamo:

«Nell’apprendere dagli organi di stampa della “Giornata di mobilitazione nazionale” organizzata da Rete Impresa Italia (leggi l’articolo) e tenutasi, per quanto concerne la provincia di Macerata, nella locale Camera di Commercio  si evidenzia come – auspichiamo per una malaugurata svista – nessuno dei canditati alle prossime elezioni 2013 del movimento “Io amo l’Italia” di Magdi Cristiano Allam risulta essere stato invitato sebbene, giova subito sottolineare, il programmo politico risulta essere perfettamente sovrapponibile, al documento presentato da Rete Imprese Italia intitolato “Le nostre ragioni” datato Roma gennaio 2013.

E difatti all’assemblea di apertura della campagna elettorale del movimento “Io amo l’Italia” – che si propone autonomamente alle elezioni di febbraio, senza apparentamenti con i partiti uscenti – si è tenuta Grottammare il 25 gennaio 2013 Magdi Cristiano Allam, parlamentare europeo, giornalista e saggista, tra i 24 candidati, ha presentato i cinque della provincia di Macerata che sono al Senato Aldo Alessandrini, avvocato di Macerata e Carla Palazzo, terapista della riabilitazione di San Ginesio-Sarnano; alla Camera Rocco Tirabasso, ingegnere e geologo da Loro Piceno, Roberto Castignani, impiegato comunale da Montecosaro e Filippo Bruè, vigile del fuoco di Loro Piceno.
Magdi Cristiano Allam ha illustrato in modo chiaro ed esaustivo i contenuti del programma politico – che è possibile leggere nei dettagli nel sito www.ioamolitalia.it succintamente riepilogati nel prospetto che segue – e la cui chiave di volta è costituita dalla centralità dell’essere umano e la preminenza dei valori non negoziabili della vita, della famiglia, della persona, contro tutte le devianze del “pensiero debole” asservito al relativismo imperante che annienta l’umanità dell’individuo. Nessun altro programma politico dei partiti uscenti propone con chiarezza tali principi cattolici, ma tutti sono pronti a “negoziare” pur di ottenere il potere e la poltrona.

Il programma politico tra i vari punti propone anche la tutela della micro, piccola e media impresa contro un modello di sviluppo basato sulla centralità dello Stato che ha dilapidato il denaro degli italiani privatizzando gli utili e socializzando le perdite e che ha finito per favorire esclusivamente le macro imprese: ciò viene attuato, anche e non soltanto, tramite:

a) il riscatto della sovranità monetaria e la restituzione della facoltà dello Stato Italiano di emettere moneta contro l’ingiustizia del signoraggio bancario cosicchè lo Stato possa sin da subito procedere alla restituzione di circa 100 miliardi di debiti contratti con le imprese indebitate e soffocate proprio dalla mancata erogazione dei crediti vantati verso lo Stato che nel contempo non manca di pretendere il pagamento di tasse che giungono fino al 75% sul fatturato dell’impresa e comunque non su quanto effettivamente incassato;
b) l’abbattimento dei costi dello Stato tramite l’eliminazione degli Enti inutili e onerosi (Senato, Regione, Province, Municipalizzate, Partecipate) che consentirà, congiuntamente al Federalismo dei Comuni, una tassa unica con una sola ragionevole aliquota fino al 20%;
c) un nuovo modello di Sviluppo che si fonda sulla valorizzazione dello straordinario patrimonio ambientale, culturale ed umano che rende l’Italia il più bel paese del mondo e dunque Terra, Tecnologia, Turismo e tutela dell’Ambiente; in particolare per il turismo balnerare il movimento si pone contro la direttiva Bolkestain;
d) la creazione di 1 milione di nuovi posti di lavoro attraverso l’erogazione di credito senza interessi assicurando la priorità agli Italiani anziché ai cittadini stranieri nell’assegnazione del lavoro in generale e del lavoro socialmente utile».

L’avvocato Aldo Alessandrini candidato al Senato fa sapere inoltre che si attiverà, al fine di incontrare i rappresentanti delle locali associazioni intervenute alla Camera di Commercio di Macerata il 28 gennaio 2013  al fine di poter meglio conoscere e recepire le eventuali istanze nonché al fine di meglio illustrare e divulgare il programma politico del movimento “Io amo l’Italia” di Cristiano Magdi Allam.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =