Traffico di droga fra Ancona e Macerata
Tre persone arrestate dai carabinieri

In manette sono finiti Mario La Pietra, di San Severo, 37 anni, residente a Civitanova, ritenuto vicino alla criminalità foggiana; Roberto Veglio, 43 anni, torinese residente a Morro D’Alba, incensurato, e Gennaro Nuzzo, di Maddaloni (Caserta), 38 anni, considerato elemento vicino alla criminalità casertana
- caricamento letture

 

arrestatiTre persone sono state arrestate dai carabinieri di Osimo, in collaborazione con i colleghi di altre stazioni, nell’ambito dell’operazione ‘Matador’, che ha stroncato un traffico di cocaina tra le province di Ancona e Macerata. In manette, per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti a fini di spaccio (40 grammi di cocaina purissima in cristalli) sono finiti Mario La Pietra, di San Severo (Foggia), 37 anni, residente a Civitanova Marche, ritenuto vicino alla criminalità foggiana; Roberto Veglio, 43 anni, torinese residente a Morro D’Alba, incensurato, e Gennaro Nuzzo, di Maddaloni (Caserta), 38 anni, considerato elemento vicino alla criminalità casertana.

La Pietra è stato fermato a bordo di un autocarro: mentre veniva perquisito, con uno scatto repentino ha spintonato i militari e tentato la fuga, ingoiando un involucro di plastica contenente cocaina. Ma è stato subito bloccato; nella colluttazione, due carabinieri sono rimasti lievemente feriti.

Veglio, invece, è stato fermato mentre era alla guida di una betoniera carica di cemento: nella cabina di guida, dietro il sedile del conducente, è stato trovato un sacchetto di cemento al cui interno c’era un involucro con della droga. Nuzzo, infine, è incappato in un posto di blocco e trovato in possesso di due dosi di cocaina purissima della stessa qualità di quella sequestrata a Veglio.

Secondo gli investigatori, Nuzzo era il fornitore dello stupefacente e spacciava nella zona tra Senigallia e Montemarciano, mentre La Petra e Veglio, i due piazzisti, si occupavano delle zone di Civitanova Marche e Macerata, e di Agugliano e Osimo. Tutta la droga sequestrata, una volta tagliata e venduta avrebbe fruttato circa 12mila euro.

Nuzzo e Veglio sono ora in carcere a Montacuto, mentre per La Pietra è stata disposta la custodia nelle camere di sicurezza della caserma dei carabinieri di Osimo in attesa del rito direttissimo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X